Puzza a Venezia, è il catalizzatore della raffineria Eni

Un forte odore simile a quello dello zolfo, anche detto "da uova marce", ha riempito l'aria della terraferma veneziana nelle scorse ore
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

VENEZIA – Un forte odore simile a quello dello zolfo, anche detto “da uova marce”, ha riempito l’aria della terraferma veneziana nelle scorse ore. Il fenomeno è stato causato dalle attività di carico di Dmds (Dimetildisolfuro) agli impianti Ecofining Hf1 e Hf2 della raffineria Eni di Porto Marghera. L’operazione di carico è necessaria all’attivazione del catalizzatore e il fenomeno odorigeno che si è verificato “non è legato a situazioni di anomalia degli impianti”, spiega la centrale operativa della Polizia locale in una nota diffusa dal Comune di Venezia.

MESTRE VENEZIA ZONA INDUSTRIALE PORTO MARGHERA

Al momento, in ogni caso, “sono in corso verifiche congiunte con Arpav e Vigili del fuoco”, prosegue la nota. Le operazioni di attivazione del catalizzatore termineranno entro sei ore.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

24 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»