Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Esultano le calciatrici del Sudafrica: saranno premiate come gli uomini

Entrambe le nazionali qualificate: per il Mondiale femminile via il 7 giugno in Francia, la Coppa d'Africa maschile parte in Egitto dal 21
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA –  Le “Banyana Banyana” saranno pagate come i “Bafana Bafana”. Come dire che le calciatrici sudafricane valgono come i calciatori loro connazionali. E magari vinceranno pure di più. La parola al campo, con le due nazionali qualificate per il Mondiale femminile al via il 7 giugno in Francia e la Coppa d’Africa maschile che si terrà invece in Egitto dal 21. Come ricostruisce il quotidiano locale ‘Times’, l’annuncio è stato fatto dal presidente della Federazione, Danny Jordan.

“In questo Paese dobbiamo chiudere il gap tra calciatori e calciatrici” ha detto il dirigente: “Questo è un buon giorno per il calcio sudafricano”. Le nuove tabelle prevedono che in caso di qualificazione al secondo turno dei tornei a ciascun atleta sarà garantito un premio da 22mila dollari. “Questa è una decisione davvero sorprendente” ha commentato Janine van Wyk, capitano delle Banyana Banyana: “Come sapete, combattiamo da tanto tempo per l’uguaglianza nello sport“. Secondo la stampa sudafricana, finora le calciatrici sono state retribuite sempre molto meno rispetto ai loro colleghi maschi.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»