Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Conte si presenta: “Sarò l’avvocato degli italiani”; Bankitalia: “La corruzione fa male al Paese”; Papa Francesco: “Guai a chi sfrutta il lavoro”

Edizione del 24 maggio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

CONTE SI PRESENTA: SARO’ AVVOCATO DEGLI ITALIANI

“Saro’ l’avvocato del popolo italiano, anche all’estero”. Il presidente del consiglio incaricato Giuseppe Conte presenta il governo che con ogni probabilita’ raccogliera’ la campanella da Paolo Gentiloni. “Sara’ il governo del cambiamento, a difesa degli interessi di tutti gli italiani”, ha detto Conte. Matteo Salvini torna a chiedere che Paolo Savona diventi ministro dell’economia. Dura l’opposizione: “Sono finiti gli alibi, ora governare tocca a loro”, dice Matteo Renzi.

BANKITALIA: LA CORRUZIONE FA MALE AL PAESE

La corruzione rappresenta “una distorsione della concorrenza” che, insieme all’evasione fiscale, va rimossa”. E’ il messaggio lanciato dal governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, nel corso di un convegno organizzato dal presidente dell’Anac, Raffaele Cantone. La rimozione di questa distorsione, ha spiegato, è “funzionale alla crescita delle imprese e del sistema economico” e per definire “l’uscita permanente da tassi di crescita deludenti se non negativi”.

PAPA FRANCESCO: GUAI A CHI SFRUTTA IL LAVORO

Sfruttare il lavoro è “peccato mortale”. A dirlo Papa Francesco, nell’omelia della Messa celebrata oggi a Santa Marta. Bergoglio ha aggiunto che anche qui, in Italia, per salvare i grandi capitali si lascia la gente senza lavoro. “Guai a voi! Guai a chi sfrutta la gente, a chi sfrutta il lavoro, a chi paga in nero, a chi non paga il contributo per la pensione. Guai a voi!”, ha detto papa Francesco aggiungendo che le ricchezze allontanano dal Vangelo. “Se uno oggi facesse una predica cosi’- ha concluso Bergoglio- direbbero che e’ un prete comunista”.

SCONTRO TRA TRENO E TIR, LA PROTESTA DEI PENDOLARI

Due morti e 23 feriti: e’ il bilancio dell’incidente ferroviario che ieri sera a Caluso ha visto un tir di un trasporto eccezionale bloccato sui binari e travolto da un treno regionale. L’associazione dei pendolari della Valle d’Aosta sottolinea il problema della sicurezza lungo la linea e rivolge un appello a tutte le amministrazioni pubbliche per togliere i passaggi a livello. Ai familiari delle vittime e ai feriti il cordoglio delle istituzioni, espresso tra gli altri dalla presidente del Senato Casellati.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»