Metro C, Codacons: “Disagi a San Giovanni nello scambio con metro A”

"La linea A nelle ore di punta è gia’ stracolma, non e’ in grado di accogliere i passeggeri provenienti dai treni della metro C"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Esattamente come previsto nelle settimane scorse dal Codacons, l’apertura della stazione della metro C San Giovanni sta causando pesanti ripercussioni sulla circolazione metropolitana, a causa della congestione di passeggeri nel nodo di scambio con la linea A, soprattutto nelle ore di punta. Il caos e’ scoppiato stamattina, quando migliaia e migliaia di viaggiatori scesi dalla metro C sono stati bloccati ai tornelli, a causa delle banchine gia’ stracolme di passeggeri e non piu’ in grado di sostenere l’afflusso di utenti. Una congestione totale, come testimonia il video realizzato dal Codacons e pubblicato sulla pagina FB dell’associazione, con disagi per migliaia di cittadini”. Cosi’ in una nota il Codacons.

Lo avevamo detto ed e’ successo: la linea A, nelle ore di punta gia’ stracolma, non e’ in grado di accogliere i passeggeri provenienti dai treni della metro C, e il rischio e’ un vero e proprio collasso del trasporto metropolitano- afferma il presidente Carlo Rienzi- Questo avviene perche’ la frequenza dei treni sulla metro C e’ insufficiente, e far passare i convogli ogni 12 minuti crea prevedibili e inevitabili intasamenti a San Giovanni. Per questo chiediamo ancora una volta di incrementare la frequenza dei treni sulla linea C in modo da evitare la congestione della stazione San Giovanni e i disagi per i cittadini”, conclude Rienzi.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»