Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

L’Africa in Italia, tre giorni contro gli stereotipi

"Cambiare la percezione che l'Italia ha dell'Africa, perché il nostro continente non è solo guerra e malattie, ma cultura e opportunità"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  – “Cambiare la percezione che l’Italia ha dell’Africa, perché il nostro continente non è solo guerra e malattie, ma cultura e opportunità”. E’ questo, per lo scrittore e presidente dell’associazione Le Reseau, Cleophas Adrien Dioma, il senso dell’iniziativa intitolata ‘Percezione dell’Africa in Italia’.

La tre giorni, organizzata a Roma nella residenza dell’ambasciata d’Algeria, e promossa dal Gruppo degli ambasciatori africani in Italia, ha aperto insieme a una mostra d’arte e fotografia il programma ‘Africa Day 2017’, in corso fino a domani, 25 maggio, data in cui ricorre la Giornata dell’Africa.

La celebrazione ricorda l’anniversario della fondazione dell’Organizzazione dell’Unità Africana (oggi Unione Africana).

L’incontro, incentrato su percezioni e narrazioni del continente africano in Italia e in Occidente, è stato anche l’occasione per proporre bilanci sul percorso verso l’integrazione.

“Quella dedicata all’Africa è una giornata importante” ha detto, in un’intervista alla DIRE, l’ambasciatore della Repubblica del Congo Kamara Dekamo Mamadou, decano del Gruppo Africano.

L’IMPORTANZA DEL 25 MAGGIO

“Il 25 maggio 1963 i capi di stato africani hanno preso l’impegno di un’organizzazione panafricana, che a quel tempo si chiamava Oua, e la sua prima missione era la decolonizzazione dell’Africa; oggi il compito che ci rimane da portare a termine è quello economico, è l’integrazione dell’Africa, è fare in modo da aprire corridoi tra i Paesi, e che le popolazioni circolino liberamente, che ci siano condivisione e sviluppo integrato”.

In questo senso, secondo il presidente del centro studi e ricerche Idos sull’immigrazione Ugo Melchionda, intervenuto al convegno, un compito che potrebbero darsi l’Italia e gli altri Paesi europei potrebbe essere “capire come i Paesi della Comunità economica dell’Africa occidentale (Ecowas) e di altre comunità regionali, come il Mercosur e l’Ansea, possano beneficiare dall’esperienza europea, conoscendo errori e punti di forza della storia comunitaria”.

“Prima di pensare a cosa pensano di noi gli Italiani, dobbiamo ragionare su quello che noi pensiamo di noi stessi”

Moderata dal politico e giornalista di origine congolese Jean-Leonard Touadi, la discussione è stata animata da interventi in più lingue di scrittori, ambasciatori, rappresentanti delle associazioni, delle istituzioni e della stampa.

Tra gli oratori anche Filomeno Lopes, artista e scrittore della Guinea Bissau. “Prima di pensare a cosa pensano di noi gli Italiani, dobbiamo ragionare su quello che noi pensiamo di noi stessi” ha spiegato alla DIRE.

“Dopo l’indipendenza, soprattutto dagli anni ’80 a questa parte, i problemi interni sono iniziati a emergere e non c’è stato più un pensiero africano. Gran parte dei problemi che l’Africa vive oggi sono dovuti alla mancanza di un pensiero endogeno. Si è parlato tanto di imprenditori africani e storie di successo ma non ci siamo chiesti come mai oggi un imprenditore ‘soi-disant’ africano investe solo nel suo Paese di origine?”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»