Tg Politico Parlamentare, edizione del 24 aprile 2020

GOVERNO APPROVA DEF E 55 MLD DI EXTRA DEFICIT

Via libera del Consiglio dei ministri al Def e allo scostamento di bilancio per impegnare altri 55 miliardi in deficit nel prossimo decreto. Il documento di economia e finanza fotografa uno scenario post bellico: quest’anno il pil è in caduta dell’8 per cento, l’indebitamento arriverà al 10,4% e il debito pubblico a dicembre raggiungerà il 155,7%. I tecnici ipotizzano un impatto dell’emergenza che si protrarrà sull’economia fino ai primi mesi del prossimo anno, pesante l’urto sui consumi e gli investimenti che registrano perdite a due cifre.

ACCORDO SINDACATI-IMPRESE PER LA RIPARTENZA

Una ripartenza in sicurezza con distanze, turni e se necessario mascherine. Imprese e sindacati hanno aggiornato il protocollo sulla sicurezza nei luoghi di lavoro per rendere possibile la fase due. Resta privilegiato lo smart working. Per la ministra del Lavoro Nunzia Catalfo l’intesa è “un ulteriore passo avanti per garantire alle imprese di ripartire in sicurezza”. Soddisfatti i sindacati. Per il leader della Cgil, Maurizio Landini, è un “accordo che offre regole certe ed esigibili perchè la ripresa del lavoro avvenga nella massima sicurezza”.

M5s PERDE I PEZZI E SI SPACCA

Perde pezzi il Movimento 5 stelle. La deputata grillina Fabiola Bologna ha lasciato il partito e ha aderito al Gruppo Misto con una lettera al presidente della Camera Roberto Fico nella quale ha comunicato l’addio. Si tratta dell’ennesima fuoriuscita dal più grande gruppo parlamentare di questa legislatura. Traballano ora i numeri della maggioranza. Nei giorni scorsi il senatore Mario Giarrusso e il deputato Nicola Acunzo erano stati espulsi per questioni legate alla rendicontazione dei rimborsi. L’ala movimentista guidata da Di Battista è in fermento, il Mes e la riconferma di Descalzi all’Eni hanno spaccato ancor di più il Movimento.

LA FASE 2 E I TRASPORTI, AL LAVORO IN BICI

Per l’Oms in tempi di pandemia gli spostamenti da preferire sono quelli in bici e nella fase 2 vedremo più pedali vorticare sulle strade delle nostre città. Le severe limitazioni a bus e metro spingeranno in sella gli italiani. Il governo pensa a ciclabili anche temporanee e incentivi per bici e monopattini. Secondo le imprese del settore ci sarà “un nuovo protagonismo delle due ruote, servirà un incentivo economico anche per l’acquisto di ciclomotori e moto”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Guarda anche:

24 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»