VIDEO | Coronavirus, Sip: “Non c’è pericolo di contagio attraverso il cibo”

La Società italiana di pediatria (Sip) scioglie i dubbi sulla sicurezza del cibo nell'emergenza sanitaria Covid-19
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Il cibo non può essere veicolo di contagio. Il Covid-19 è un virus che si trasmette attraverso le vie aeree e non attraverso le vie digestive”. Lo dichiara Alberto Villani, presidente della Società italiana di pediatria(Sip), che su Rai 1 al programma ‘Diario di casa’ spiega anche l’operato di chi controlla i prodotti che arrivano sulle nostre tavole.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Coronavirus, Villani (Sip): “Per i bambini sarà impensabile giocare in gruppo”

“In Italia tutto il cibo è controllato da persone che si dedicano a questa attività. Il ministero della Salute- prosegue- ha degli specialisti che controllano la qualità dei prodotti, affinché possano essere assunti senza problemi. I Carabinieri hanno i nuclei Antisofisticazione- conclude Villani- che vigilano e fanno in modo che tutto ciò che compriamo sia sicuro”.

La Sip offre il suo contributo specialistico all’interno dello sportello clinico ‘IdO con voi’, promosso dall’Istituto di Ortofonologia nell’ambito della task force del ministero dell’Istruzione di aiuto e sostegno a docenti, genitori e studenti.

LEGGI ANCHE: Obiettivo centri estivi per bambini in Emilia-Romagna. E Schlein avverte: “No a fase 2 con mamme a casa”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»