Roma si prepara per la ‘fase 2’: ora serve delibera per l’uso dei monopattini in sharing

"Approvare la delibera sulla micro mobilita', in particolare su monopattini". Questo l'obiettivo dell'assessore ai Trasporti del Comune di Roma. Intanto la ministra De Micheli annuncia incentivi per l'acquisto di bici ed elettrici
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Approvare la delibera sulla micro mobilita’, in particolare su monopattini, e far partire il servizio a Roma “a ridosso della fase 2“. Questo l’obiettivo annunciato dall’assessore ai Trasporti del Comune di Roma, Pietro Calabrese, oggi nel corso dei lavori in video conferenza della commissione Mobilita’ dedicata al tema dello sharing. 

Alla riunione erano presenti i rappresentanti delle sei società pronte a partire: Helbiz, Lime, Bird, Voi, Dott e Hive oltre al presidente della commissione Enrico Stefano e allo stesso Calabrese. 

“Stiamo lavorando alla delibera, che una volta approvata potra’ consentire di lanciare un avviso pubblico per poi far partire la micromobilita’ in sharing. Abbiamo appreso che c’e’ un confronto aperto con gli uffici del segretariato” ha ricordato Stefano citando anche il precedente intervento di Fabio Stefano Pellegrini, direttore dipartimento Mobilita’ che aveva parlato di ben 4 bozze di delibera presentate al Segretariato nei giorni scorsi.

“Il segretariato e’ un ente a supporto che deve convalidare la legittimita’ di ogni provvedimento votato- ha chiarito Calabrese poco dopo- una sorta di ente terzo ed e’ bene che sia cosi’. Ma questo confronto molto sofferto immagino si chiudera’ a favore del licenziamento della delibera sulla micromobilita’. Abbiamo necessita’ di partire a ridosso della fase 2“.

Tutti gli operatori presenti alla riunione, dal canto loro, si sono detti pronti, ma anche preoccupati per i tempi. Alessio Raccagna, di Lime, ha fatto sapere che “un ulteriore rallentamento della delibera generera’ un ritardo nell’eventuale avvio del servizio e questo potrebbe rappresentare un problema. La fase 2 dovra’ basarsi moltissimo su monopattini e sulle biciclette, chiediamo di fare presto perche’ la delibera da sola non basta a far partire il servizio, poi ci vorra’ il tempo per l’avviso pubblico”.

Margherita Pacileo di Voi ha aggiunto che la societa’ francese “auspica che la delibera venga approvata presto”. E simili auspici, ovvero sulla velocita’ di adozione della delibera, sono stati espressi dai rappresentanti di Dott e Hive. Giulio Del Balzo ha ricordato, infine, come “anche Bird e’ pronta a offrire il servizio. Siamo soddisfatti del lavoro fatto dal Comune e vorremmo soffermarci su un fatto: abbiamo la possibilita’ di cambiare radicalmente il modo di muoversi a Roma, non solo in questa fase di coronavirus. Questa e’ una crisi peggiore di quella degli Anni 70, quando poi Amsterdam si e’ liberata delle auto”. Stefano ha concluso la commissiome ricordando come l’amministrazione “ha pensato a giornate formative tra operatori e cittadini sfruttando l’iniziativa ‘Via libera’ che si svolge una volta al mese. Dipende da cosa ci riservera’ il futuro”.

DE MICHELI: “IN PROSSIMO DL INCENTIVI PER BICI E MONOPATTINI”

“Mentre moduliamo i nuovi protocolli da rispettare sui trasporti nella fase 2, nel prossimo decreto legge ci saranno gli incentivi per chi vuole acquistare bici, monopattini elettrici e bici elettriche per decongestionare il traffico ed evitare assembramenti sui mezzi pubblici“. Lo scrive su facebook Paola De Micheli, ministra delle Infrastrutture e dei trasporti.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

24 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»