VIDEO | ‘Non sarà così strano’, online il brano per la Croce Rossa di Roma

Al via la raccolta fondi, guidata dalla risposta musicale all'emergenza di tredici artisti
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

di Fabrizia Ferrazzoli

ROMA – È online il videoclip di ‘Non sarà così strano’, il brano inedito scritto e cantato da tredici musicisti romani uniti per la Croce Rossa di Roma. Un’iniziativa Sound Meeter, casa di produzione audio e video capitolina conosciuta per la sua omonima web serie, che vede tra gli altri anche la partnership di Agenzia Dire e DireGiovani.

“Il suono non ha confini- racconta Arianna Bureca di Sound Meeter- e la musica riesce a dare una carezza priva di contatto che conforta… e puo’ aiutare a raccogliere i fondi”.

‘Non sara’ cosi’ strano’ è quindi una risposta musicale all’emergenza: un coro in aiuto di chi aiuta per ripartire con ritmo e tornare il prima possibile alla normalita’, ai concerti, allo stare insieme. Online sul canale Youtube di Sound Meeter e su Gofundme, la canzone vede protagonisti Cesare Blanc, testi e voce, Matteo Gabbianelli (Kutso), voce e batteria, Stefano Scarfone, chitarre, Mille, voce, Vittorio Belvisi, voce, Federico Pegan (The Royal State), voce, Jacopo Ratini, voce, Felice Greco (New Jersey Quay), voce e chitarre, Dario Amoroso, pianoforte e synth, Rachele Trovatelli, cori, Giacomo Latorrata, arrangiamento e basso, Luca Carocci, chitarre e basso, Marco Fabi, missaggio. Il videoclip racconta la vita, il contrasto tra ieri e oggi e la voglia di tornare in strada, insieme. In chiusura intervengono diversi personaggi noti (tra cui Lillo, Giorgio Caputo e Stefano Ambrogi) per invitare a donare: una call to action diretta alla raccolta fondi per la Croce Rossa di Roma per supportare economicamente l’emergenza con la musica. Per donare: gofundme.com/musica-per-roma. 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

24 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»