Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tentato stupro a Roma: arrestato 21enne in via della Giustiniana

Una donna seduta in auto in attesa del marito, è stata raggiunta da un ragazzo con i pantaloni abbassati che l'ha bloccata nella vettura
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Erano le 8.30 del mattino del 22 aprile quando, in via della Giustiniana, una donna seduta in auto – lato passeggero in attesa del marito, allontanatosi per qualche minuto – è stata avvicinata da un giovane con i pantaloni abbassati che l’ha bloccata nell’auto, tentando di violentarla. Mentre la donna spaventata tentava di divincolarsi dalla stretta dell’uomo, tornava il marito che interveniva in suo aiuto. Il giovane allora si allontanava in via Inverigo, ancora con i pantaloni abbassati, insultando e deridendo le sue vittime. La donna ha chiamato il 112 mentre il marito ha iniziato ad inseguire l’aggressore. Sul posto sono intervenute tempestivamente le pattuglie del Reparto Volanti della Polizia di Stato che hanno bloccato il giovane, nascostosi in uno stabile di una via adiacente. Identificato per V. S. V.M., di 21 anni, di origine salvadoregna, alla fine degli accertamenti è stato arrestato per violenza sessuale. La vittima è stata soccorsa e accompagnata nel vicino ospedale, dove è stata visitata secondo il previsto protocollo rosa. Così in un comunicato la Questura di Roma.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»