Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Il Pd apre al governo con M5S, Martina: “Disponibili dopo rottura tra Di Maio e Salvini”

ROMA - "Siamo disponibili a valutare il fatto nuovo, se verra' confermato in queste ore, pronunciato dal M5s della fine
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Siamo disponibili a valutare il fatto nuovo, se verra’ confermato in queste ore, pronunciato dal M5s della fine di qualsiasi tentativo di un accordo tra M5e e Lega e centrodestra”. Cosi’ Maurizio Martina al termine della consultazione con il presidente della Camera Roberto Fico.

Ci impegniamo ad approfondire questo possibile percorso di lavoro comune coinvolgendo in primo luogo i nostri gruppi dirigenti: la nostra direzione nazionale che deve essere eventualmente chiamata a deliberare un percorso nuovo che ci coinvolga”.

“Anche i nostri gruppi dirigenti, la nostra direzione nazionale, il partito democratico tutto deve essere chiamato a valutare” la svolta del M5s che ha rotto con la Lega.

“Abbiamo costruito tutte le nostre valutazioni immediatamente successive al voto 4 marzo, e che hanno impegnato i gruppi dirigenti, su base dello scenario della nostra sconfitta, con l’onere e l’onore dato alle forze politiche che hanno prevalso il 4 marzo. Se le dichiarazioni importanti di Di Maio saranno confermate, allora siamo disponibili a valutare il fatto nuovo”.

Siamo a un potenziale passaggio di fase“. Ora “aspettiamo di avere risposte” dal M5s “su questi temi propedeutici alla nostra iniziativa”.

ASSE RIFERIMENTO ATTORNO A PROGRAMMA PD

“Sul piano programmatico noi abbiamo ribadito al presidente Fico che l’asse di riferimento sta attorno al programma del Pd nei contenuti, nelle proposte e nelle idee”. Lo dice Maurizio Martina, segretario reggente Pd, al termine delle consultazioni con il presidente della Camera Roberto Fico.

Per Martina sono tre “le sfide essenziali, cruciali”. Un’Italia che e’ “chiamata a scegliere e a contribuire alla nuova stagione europeista oppure se ripiegare verso un rischio sovranista”.

Poi politiche del lavoro e dello sviluppo che tengano conto degli equilibri della finanza pubblica. E, infine, dice ancora Martina e’ per “noi fondamentale ribadire la centralita’ del rinnovamento della democrazia rappresentativa a dispetto di una deriva plebiscitaria”.

LEGGI ANCHE:

Governo, Bersani: “M5S e Pd partano, 5 anni dopo lo streaming farei ancora così”

Governo, Marcucci: “Fico? Non sono ottimista ma possono esserci sorprese”

Governo, Di Maio ‘saluta’ Salvini e punta al Pd: “Sono ottimista”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»