NEWS:

Non solo Petrocelli: da Salvini a Renzi, gli assenti in Senato per il voto alla risoluzione sull’Ucraina

Il documento è stato approvato con 212 voti a favorei, 12 contrari e 3 astenuti. Al voto non hanno partecipato 93 senatori, di cui 44 non in missione: la componente più folta nel M5S

Pubblicato:24-03-2022 08:32
Ultimo aggiornamento:25-03-2022 08:45

FacebookLinkedIn

ROMA – Via libera del Senato alla risoluzione di maggioranza dopo l’informativa del premier Mario Draghi in vista del Consiglio europeo di oggi e domani. Il documento, nello stesso testo di quello presentato alla Camera, era firmato da Pd, M5S, Lega, FI, LeU, IV, Più Europa e Autonomie, con il parere favorevole del Governo.

Su richiesta di Fratelli d’Italia, la risoluzione è stata votata per parti separate. La premessa è stata approvata con 194 voti, 29 contrari e 4 astenuti. Il testo del dispositivo, ad eccezione del paragrafo 10 è stato votato con 212 voti a favore, 12 contrari e 3 astenuti. Il paragrafo 10, infine, ha ottenuto 194 ok, 29 no e 4 astenuti. Il paragrafo 10 del dispositivo, non votato da FdI, prevede l’impegno al Governo a intensificare i rapporti con Pechino, in vari campi, in vista del vertice Ue-Cina del 1 aprile.

LEGGI ANCHE: Draghi: “Ucraina entri nella Ue”. Ma da Calenda a Fassina c’è chi dice no

CHI MANCAVA AL SENATO PER IL VOTO

Sono in totale 93 i senatori che non hanno partecipato alla votazione della risoluzione di maggioranza sull’Ucraina, compresi i senatori assenti perché in missione. 22 sono del gruppo di Fi-Bp-Udc, dei quali 13 assenti per missione. 19 sono le assenze dei 5 Stelle, 10 dei quali in missione. Assente ma non in missione in particolare il presidente della commissione Esteri del Senato Vito Petrocelli, che è entrato in rotta di collisione con il M5S di cui fa parte chiedendo di uscire da “un Governo interventista” e dichiarando che non voterà più la fiducia all’esecutivo Draghi.

LEGGI ANCHE: Mattarella: “Aggressione all’Ucraina ingiustificabile, è attacco alla democrazia”

16 gli assenti nella Lega, 10 dei quali in missione. Non ha votato e non risulta in missione Matteo Salvini. 18 le assenze nel Gruppo misto, 5 delle quali in missione. 6 gli assenti del Pd, 4 dei quali in missione. 4 le assenze in FdI, 2 delle quali in missione. 5 assenti in Italia viva, 2 dei quali in missione, ma tra questi non c’è Matteo Renzi che pure non ha votato. 3 assenti nel gruppo delle autonomie, tra questi Pierferdinando Casini, che risulta in missione insieme a Napolitano.

In totale gli assenti ingiustificati, cioè non in missione sono stati 44, così suddivisi per gruppi: 9 del M5S, 6 della Lega, 9 di Fi-Bp-Udc, 13 del Misto, 2 Pd, 2 Fdi, 2 Iv-Psi, 1 delle Autonomie.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it


FacebookLinkedIn