Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Capaci, Morra al processo contro Conigliaro: “Massima attenzione su questa singolare vicenda”

nicola morra
Il luogotenente, imputato per diffamazione da due suoi ex colleghi è stato audito in merito al mancato scioglimento del comune di Capaci e la realizzazione di un centro commerciale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “La mia presenza qui è funzionale alla richiesta che fa la presidenza della Commissione antimafia di maggiore attenzione a questa singolare vicenda, sapendo che così avrei ottenuto maggior risalto per gli sviluppi processuali. Ho pensato che fosse giusto e opportuno essere qua”. Lo dice Nicola Morra, presidente della Commissione parlamentare antimafia, che stamattina era al tribunale militare di Napoli in occasione del processo in cui è coinvolto Paolo Conigliaro. Il luogotenente dei carabinieri Conigliaro, ex comandante della stazione di Capaci che oggi lavora alla Dia di Palermo, è imputato per diffamazione per essere stato querelato da due suoi ex colleghi. Le querele, archiviate dalla Procura di Palermo, sono ritenute fondate dai giudici militari. Il carabiniere, nei mesi scorsi, è stato audito dalla commissione presieduta da Morra in merito al mancato scioglimento del comune di Capaci e la realizzazione di un centro commerciale a Capaci. “Da quanto emerge da notizie di stampa – prosegue il senatore del M5s – la vicenda che vede coinvolto Conigliaro rinvia al caso Montante, caso che, non so perché, non viene sufficientemente trattato dall’informazione italiana e su cui a mio avviso, al contrario, bisognerebbe tornare insistentemente perché quando si scopre che un ex direttore della Dia era coinvolto in questa trama la questione diventa scottante. Purtroppo non c’era solo un rappresentante della Dia, ma tanti personaggi che tuttora hanno ruoli importantissimi nelle istituzioni che – conclude Morra – dovrebbero garantire il rispetto delle nostre regole costituzionali”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»