Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Una guida ‘social’ ai musei cittadini per i 1600 anni di Venezia

venezia
Gallerie dell'Accademia, Galleria di Palazzo Cini, Collezione Peggy Guggenheim e Punta della Dogana saranno riuniti dagli hashtag #DDMM1600 e #Walkthemile
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

VENEZIA – In occasione delle celebrazioni per i 1.600 anni dalla fondazione di Venezia, nasce ‘Dorsoduro Museum Mile’, un percorso culturale social che riunisce Gallerie dell’Accademia, Galleria di Palazzo Cini, Collezione Peggy Guggenheim e Punta della Dogana, con gli hashtag #DDMM1600 e #Walkthemile.

In sostanza, ogni primo giovedì del mese, i quattro musei pubblicheranno sui rispettivi canali social un post dedicato a uno tra cinque macro temi: architettura; fondatori; artisti veneziani/veneti in collezione; opere in collezione legate alla città di Venezia; gioielli della sede. Ogni istituzione declinerà la tematica rispetto alla propria storia e identità. Ad ogni tema saranno dedicati due post, per un totale di 12 post per ogni istituzione, compresi il post di lancio e quello di chiusura, rivelati nel corso dei 12 mesi. I singoli post serviranno poi a formare cinque guide di Instagram – una per ogni macro-tema – ‘Venezia 1600. I diari del miglio’ che aggregheranno tutti i post delle quattro istituzioni e che ogni istituzione condividerà sul proprio account.

LEGGI ANCHE: I gioiellieri di Venezia: “Fateci riaprire, vendiamo felicità e siamo preziosi”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»