Coronavirus, Bardi: “Difficoltà nel reperire le attrezzature per l’emergenza in Basilicata”

"La mia prima preoccupazione è stata assicurare misure concrete per le fasce più deboli" dichiara il governatore in un video Facebook
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

POTENZA – “Proprio ieri abbiamo tenuto una riunione dell’unita’ di crisi e un’altra la terremo domani. Abbiamo un colloquio costante con l’Anci e con tutte le strutture impregnate in questa emergenza”. Cosi’ il presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi, in un video sulla pagina Facebook della giunta regionale fa il punto su quanto il governo regionale sta mettendo in campo per contrastare l’emergenza da coronavirus.

“La mia prima preoccupazione – ha aggiunto – oltre a quella sanitaria, e’ stata di assicurare, insieme all’assessore Cupparo e alla task force che vede insieme maggioranza e opposizione, misure concrete a favore delle fasce piu’ deboli, quelle che rischiano di pagare maggiormente il prezzo della crisi”. Il governatore annuncia pertanto il finanziamento del reddito minimo di inserimento per tutto il 2020 e dei tirocini di inclusione sociale fino a maggio 2021. È stato inoltre siglato un accordo quadro per la cassa integrazione in deroga di 9 settimane a partire dal 23 febbraio scorso per tutte le categorie produttive, compresi i liberi professionisti, che abbiano almeno un dipendente. La Regione chiedera’ infine al governo nazionale di attivare politiche attive per chi ha perso il lavoro con il Fondo sociale europeo e di abolire l’acconto Irap 2020 per le strutture ricettive, i ristoranti e le agenzie di viaggio. Dal punto di vista sanitario Bardi ricorda di aver allestito due strutture per il primo intervento agli ospedali di Potenza e Matera e di aver pensato di mettere in campo l’ospedale di Venosa. “Stiamo valutando in queste ore – ha spiegato Bardi – la destinazione, per i soli malati di Covid19, di un nosocomio della parte meridionale della nostra regione. Ed e’ per questo che stiamo reperendo, sui mercati secondari, tutte le attrezzature necessarie. Ma chi governa ha l’obbligo della verita’ – ha precisato – e vi devo dire con franchezza che, nonostante i nostri sforzi e quello delle strutture predisposte, abbiamo difficolta’ a reperire tutto quanto ci occorre”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

24 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»