VIDEO | Coronavirus, Silli: “Il Governo vuole aiutare i banditi, invece che gli onesti”

‘No’ netto dei parlamentari di Cambiamo! alla proposta del ministro del Sud Peppe Provenzano di istituire a tutele che valgano anche per i lavoratori a nero
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

https://youtu.be/TuuoAVRLx9M

ROMA – ‘No’ netto dei parlamentari di Cambiamo! alla proposta del ministro del Sud Peppe Provenzano di istituire tutele che valgano anche per i lavoratori in nero. Sbigottisce il deputato Giorgio Silli, che parla di una “dichiarazione vergognosa”. Silli, interpellato dalla Dire, si chiede: “Stiamo andando a lavorare in Commissione per l’ audizione del ministro Gualtieri e fare il massimo per salvare questo Paese, per evitare che le aziende chiudano e si riversino nei prossimi mesi orde di disoccupati per le strade. E cosa succede in queste ore? Vediamo l’annuncio di un ministro che dice bisogna aiutare i lavoratori in nero. Io ho dovuto riascoltarlo tre volte perche’ realmente non non ci credevo”, confessa.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Coronavirus, Bruno Bossio: “Per il sud allargare la platea del reddito cittadinanza”

“Bisogna aiutare i lavoratori in nero, quando ci sono decine di migliaia se non centinaia di migliaia di aziende che pagano le tasse e rischiano di fallire? Che cosa fanno i grillini, cosa fa il governo giallo rosso? Dice ‘Dobbiamo aiutare chi lavora in nero’. Cioe’ che fine hanno fatto la legalita’ e l’ onesta’? Ma possibile che in questo Paese si debba sempre cercare di premiare il bandito anziche’ la persona corretta? Perche’, in questo Paese, chi paga le tasse deve sempre essere l’ ultimo della fila, deve sempre prendere dei calci nel sedere?”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»