Rai Movie celebra il cinema italiano: dal 24 marzo in onda i successi degli ultimi anni

Tra i titoli 'Gomorra', 'L'ora di religione' e 'Song’e Napule'
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – In tempi di quarantena e di unita’ nazionale, Rai Movie celebra l’orgoglio del cinema italiano programmando una selezione dei migliori film realizzati negli ultimi anni, un modo per riscoprire i capolavori del recente passato e allietare le serate delle famiglie chiuse in casa.

Si parte oggi (martedi’ 24 marzo) con due titoli che hanno segnato il successo mondiale di due autori straordinari: alle 21.20 ‘Gomorra’ di Matteo Garrone, tratto dal best seller di Roberto Saviano, e, a seguire, ‘Il divo’ di Paolo Sorrentino, memorabile messa in scena della vita pubblica e privata di Giulio Andreotti. Giovedi’ 26 marzo, in prima serata, Stefano Accorsi e Matilda De Angelis sono i protagonisti di ‘Veloce come il vento’, il film di Matteo Rovere che racconta una complicata storia familiare nell’adrenalinico mondo delle corse. Sabato 28 marzo, in seconda serata, ‘Senza nessuna pieta” di Michele Alhaique. I protagonisti, interpretati da Pierfrancesco Favino e Greta Scarano, sono figli della criminalita’, il loro incontro pero’ gli fara’ scegliere di cambiare vita.

A seguire, ‘L’ora di religione’ di Marco Bellocchio, con Sergio Catellitto e Piera degli Esposti, racconto della crisi spirituale di un pittore agnostico venuto a conoscenza del processo di beatificazione della madre scomparsa. Il ciclo proseguira’ con titoli per tutti i gusti, dalla commedia ‘Mine vaganti’ di Ferzan Ozpetek, al thriller ‘Suburra’ di Stefano Sollima, passando per il musical partenopeo ‘Song’e Napule’ dei fratelli Mainetti, sino al fantasy ‘Il racconto dei racconti’ di Garrone.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

24 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»