Coronavirus, Ricciardi: “Atalanta-Valencia ha contribuito al contagio”

"Ecco perchè la Lombardia così colpita e con alta letalità": parla il consulente del ministero della Salute e consigliere Oms Walter Ricciardi
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Una serie di fattori, tra cui la partita Atalanta-Valencia di Champions League, hanno reso la Lombardia come l’area con il maggior numero di casi di contagio e di letalità. È quanto afferma Walter Ricciardi, consulente del ministero della Salute e consigliere Oms, intervenuto a Rainews 24. Per Ricciardi, quindi, a favorire in Lombardia lo sviluppo del covid-19 è stata “una serie di fattori. Il primo, che l’epidemia si è sviluppata in ambito ospedaliero e l’ospedale è un detonatore per quanto riguarda l’epidemia. Quando un paziente si presenta in ospedale, come nel caso del paziente numero 1, ed è una persona biologicamente molto attiva nel trasmettere l’infezione, poi contagia medici e personale sanitario. Questi a loro volta contagiano i pazienti, i pazienti contagiano i visitatori e in un’area così densamente popolata, così dinamica come la Lombardia, questo è un detonatore assoluto”.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Brusaferro (Iss): “Calo contagi? Non bisogna illudersi”

Poi, continua il consulente del ministero, “perché Bergamo? Credo che giochi un ruolo importante la partita del 19 febbraio, Atalanta-Valencia. Un terzo della popolazione di Bergamo si è concentrata in uno stadio, poi ha festeggiato. Non è un caso che Bergamo sia la zona più colpita, e non è un caso che Valencia, cioè i cittadini che sono passati dall’Italia alla Spagna, abbiano fatto da trasmettitore nel loro Paese. E poi l’età della popolazione, che in larga parte, oltre il 20%, è costituita da anziani o da vecchi, e questo ha determinato l’alta letalità in quell’area. Una combinazione di fattori che ha fatto sì che la Lombardia diventasse il ‘paese’ a più alta concentrazione di casi e a più alta letalità”.

LEGGI ANCHE: Il Covid-19 ‘spazza’ via lo smog: in un mese dimezzato biossido azoto pianura padana

Nell’area formata dalle regioni più industrializzate, quelle in cui si registrano i più alti casi di diffusione del coronavirus, “tutta la dinamica produttiva fa sì che quella è zona in cui la gente si sposta moltissimo, vive a ridosso delle aziende, all’interno delle fabbriche c’è un contatto diretto tra le persone che svolgono il ciclo produttivo– prosegue Ricciardi su Rainews 24-. Quello è un concentratore, cioè tutto quello che fa avvicinare la gente, la fa spostare: in caso di epidemia, di un virus respiratorio, agisce da facilitatore della diffusione della malattia”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

24 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»