VIDEO | Coronavirus e mutamenti sociali, il Cnr lancia il sondaggio

Gli obiettivi dell’indagine sono di esplorare, analizzare e prevedere gli effetti psico-sociali del protrarsi nel tempo del vivere isolati
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – ‘Mutamenti Sociali in Atto-Covid19’ (Msa-Covid19) è un’indagine del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Irpps) su atteggiamenti e comportamenti della popolazione nell’emergenza Covid19 in relazione al ‘distanziamento sociale’. L’emanazione del decreto #IoRestoaCasa da parte del Consiglio dei ministri del 9 marzo in materia di spostamento delle persone fisiche all’interno del territorio nazionale ha richiesto un cambiamento improvviso e radicale delle abitudini e degli stili di vita degli italiani producendo una drastica riduzione di ogni forma di lavoro e socialità. L’indagine ha lo scopo di analizzare gli atteggiamenti e i comportamenti della popolazione dovuti al “distanziamento sociale”, al fine di valutarne le conseguenze e i correttivi nel breve e medio periodo, per arginare l’insorgenza di stati critici a livello psicofisico prodotti dall’assenza di lavoro e socialità. Da un team di studiosi è stato sviluppato un questionario on line.

L’attività riguarderà quattro aree d’indagine: informazioni socio-anagrafiche dei rispondenti; interazione e devianza nel distanziamento/avvicinamento sociale, che rileva i mutamenti nell’interazione sociale e le conseguenti forme di devianza e disagio dovute sia al distanziamento sia al contatto protratto degli individui conviventi; fiducia e opinioni, che riguarda la valutazione dell’operato pubblico e i livelli di fiducia relazionale e sistemica; emozioni e disagio, che analizza la valutazione del sé, le emozioni primarie e gli stereotipi connessi all’emergenza sanitaria.

Nello specifico, lo studio tratterà le seguenti dimensioni di analisi: Interazione sociale e comunicazione virtuale; Clima e devianza in ambiente domestico; Uso del tempo; Fiducia sistemica; Atteggiamenti e percezione; Stereotipi; Stato psico-fisico; Emozioni primarie; Resilienza.

La fase nazionale di indagine di indagine MSA-COVID19 prevede la realizzazione di una survey che sarà condotta per mezzo di un questionario di ricerca, di tipo elettronico e semi-strutturato, che sarà diffuso mediante piattaforme virtuali, social media e canali istituzionali. Il metodo di somministrazione del questionario di ricerca è di tipo Cawi (Computer Assisted Web Interviewing) e la rilevazione dei dati è di tipo anonimo. Il metodo Cawi permetterà l’immediata registrazione dei dati raccolti direttamente sul server del CNR con l’ausilio del software Lime Survey. In questa fase sono previste attività di valorizzazione e visibilità dei risultati. L’obiettivo secondario è la “comunicazione dei risultati della ricerca”, dunque il trasferimento della conoscenza prodotta a esperti di settore, mondo sanitario, decisori politici, cittadini e mass media. Il piano di diffusione dei risultati di Msa-Covid19 si avvarrà del supporto dell’Ufficio Stampa del Cnr e della biblioteca centrale del Cnr, e prevederà l’utilizzo dei mezzi classici di diffusione dei risultati di ricerca (articoli su riviste scientifiche e stampa, pubblicazioni su siti web, monografie, interventi di orientamento, comunicazioni a convegni, partecipazione a notiziare e trasmissioni radiotelevisive). L’indagine Msa-Covid19 si avvale del contributo di un ampio e multidisciplinare gruppo di ricerca che coinvolge sociologi, statistici, psicologi, psicopedagogisti e antropologi culturali. I membri del gruppo hanno una lunga esperienza in ambito di analisi di atteggiamenti e comportamenti della popolazione, dinamiche relazionali e condizionamenti sociali, comunicazione e divulgazione scientifica.

“È per noi molto importante raggiungere un elevato numero di risposte su scala nazionale nel minor tempo possibile, dato che gli obiettivi dell’indagine sono di esplorare, analizzare e prevedere, gli effetti psico-sociali del protrarsi nel tempo del vivere isolati e convivere nelle proprie case, per poi definire immediati interventi contenitivi. Lo studio riguarda la dimensione socio-relazionale, psicologica ed economica del ‘distanziamento sociale’” scrive Antonio Tintori, del team di ricercatori. Per partecipare al sondaggio basta cliccare su questo link.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

24 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»