Omceo Roma, giro di vite dopo ‘caso Iannone’: “Massimo controllo su certificazioni false”

ROMA - Si chiama Davide Iannone la persona che
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Si chiama Davide Iannone la persona che ha esercitato abusivamente la professione di medico a Trento. Registrato all’Ordine dei medici di Cagliari, chiese il trasferimento a Roma, dove però non ha mai esercitato la professione, per poi andare a lavorare a Trento. “Quando un professionista si iscrive all’Ordine dei medici deve portare tutta la documentazione, quella che lui ha prodotto era falsa. Sia il certificato di laurea, perchè non ha mai conseguito la laurea alla Federico II di Napoli, sia l’abilitazione all’esercizio professionale, che è l’altro requisito fondamentale per iscriversi all’Ordine dei medici”. Lo ha spiegato, all’agenzia di stampa Dire, Giuseppe Lavra, presidente dell’Ordine dei medici di Roma.

“Quando da Cagliari ha chiesto l’iscrizione a Roma- ha continuato Lavra- noi avevamo fatto un controllo con la Federico II, ma allora l’ateneo ci rispose che la nostra richiesta era irricevibile. In ogni caso a noi non risulta che a Roma abbia svolto alcuna attività, mentre a Trento pare che lavorasse da circa 5 anni nella medicina dei servizi e che facesse anche delle sostituzioni come medico di medicina generale. E lì alla fine del quinquennio gli avevano chiesto dei documenti, in particolare gli avevano chiesto il certificato di laurea, forse insospettiti dal fatto che avesse commesso qualche stupidaggine in quanto non medico. Quando avrebbe dovuto produrre il certificato di laurea, si è dato malato, e questo non ha fatto altro che alimentare i sospetti sia dell’Azienda ospedaliera sia dell’Ordine dei medici di Trento. Devo dire che ‘Striscia la notizia’ ha dato il suo contributo a fare emergere il caso, mandando un loro collaboratore a farsi visitare dal medico abusivo. Da Trento hanno trasmesso a Roma il fascicolo che aveva depositato presso l’Ordine dei medici, segnalando che tra i nostri iscritti ci potesse essere un abusivo della professione”.

“Ricevuta la segnalazione- ha raccontato ancora Lavra all’agenzia Dire- abbiamo convocato Iannone, che però non si è presentato. Contemporaneamente abbiamo interagito con Cagliari e nuovamente con la Federico II di Napoli, che ufficialmente ha confermato la comunicazione di Trento. Pertanto si è proceduto all’espulsione dall’Albo e ad avviare la denuncia alla Procura della Repubblica per esercizio abusivo della professione. E’ come se fosse un falsario, come uno che spaccia banconote false, solo che invece di una banconota ha spacciato certificati falsi”.

Il presidente dell’Omceo Roma ha sottolineato la necessità di più controlli e non di nuovi interventi normativi: “Penso che si debba essere più accorti nella verifica, ma la legge italiana è chiara: nessuno deve produrre certificazione falsa, perchè poi ne dovrà rispondere. Vale sempre il principio dell’autocertificazione, per favorire i cittadini nel rapporto con la pubblica amministrazione, però in questo caso siamo andati oltre a questo principio, perchè qui stiamo parlando di produzione di certificati falsi”.

Questo caso ha spinto l’Ordine dei medici di Roma ad adottare delle contromisure per evitare che episodi del genere si ripetano in futuro e per controllare che fra gli iscritti non vi siano situazioni simili: “Non era mai capitato un episodio del genere, ecco perchè, alla luce di quest’ultima esperienza, dobbiamo studiare, ed è già stato dato incarico ai nostri uffici, un sistema anche per verificare se abbiamo altri certificati falsi. L’Ordine annovera quasi 40 mila medici e circa 6 mila odontoiatri e il controllo capillare non è facile, ma sono state date indicazioni sugli indizi che possono fare emergere altri casi simili. Per il futuro l’atteggiamento non sarà rigido, molto di più. Basta ‘titoli tossici'”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»