Londra, Boldrini commemora le vittime, in aula coro di ‘Noooo’

[video mp4="https://media.dire.it/2017/03/camera.mp4" poster="https://www.dire.it/wp-content/uploads/2017/03/camera.jpg"][/video] ROMA - Spiacevole episodio in aula alla Camera. Poco prima del voto finale  sul decreto
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Spiacevole episodio in aula alla Camera. Poco prima del voto finale  sul decreto terremoto, la presidente Laura Boldrini invita l’emiciclo a interrompere per pochi minuti l’esame del provvedimento per procedere, spiega, “a una commemorazione”. La presidente non fa in tempo a terminare la frase che dagli scranni dei deputati si leva un boato di “Noooo!”.

Boldrini e’ spiazzata e visibilmente irritata. Con chiara indignazione per la reazione dei parlamentari, li bacchetta: “Stiamo parlando della commemorazione delle vittime dell’attentato di Londra e io pretendo rispetto”.  Poi, dopo aver espresso il “cordoglio” per le vittime e la”vicinanza” alle famiglie, la terza carica dello Stato invital’aula a osservare un minuto di silenzio.
Quando, alla fine, annuncia l’apertura del voto sul decreto terremoto, nella sua voce si avverte chiaramente l’amarezza per l’episodio.  Probabilmente i deputati, vista l’ora e considerando il giovedi’ sera, fremevano per andare via. Infatti, non appena espressa la votazione, si affrettano con i trolley a lasciare Montecitorio.
di Maria Carmela Fiumanò

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»