Su Twitter è lite tra Alessandro Gassmann e Francesca Barracciu. “Serve il raschietto per staccare l’indagato dalla poltrona?”

Barracciu e' indagata in Sardegna insieme ad altri consiglieri regionali per il presunto utilizzo illecito dei fondi dei gruppi regionali. "Sottosegretario, intanto che chiarisce, lascia la poltrona pagata da noi? Grazie", le scrive via twitter Gassmann.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

twitter gassmann barracciuROMA  –  Botta e risposta via social tra l’attore Alessandro Gassmann e Francesca Barracciu, sottosegretaria ai beni culturali.

Barracciu e’ indagata in Sardegna insieme ad altri consiglieri regionali per il presunto utilizzo illecito dei fondi dei gruppi regionali. “Sottosegretario, intanto che chiarisce, lascia la poltrona pagata da noi? Grazie”, le scrive via twitter Gassmann.

Al vetriolo la replica del sottosegretario: “Chiarirò tutto a fondo. Lei intanto che impara a fare l’attore, può evitare di far pagare biglietto al cinema per i suoi “film”? Grazie”, risponde Barracciu.

Gassmann non ci sta e invia a Barracciu la foto di “Staccapol, il raschietto che stacca il politico indagato dalla poltrona”. In soccorso dell’attore arriva anche la regista Francesca Archibugi, che senza mezzi termini da’ a Barracciu della “cafona”. Si muove anche la politica, con il Cinque Stelle Alessandro Di Battista che ricorda a Gassmann come Barracciu sia indagata perche’ i pm contestano “33.000 euro di rimborsi carburante in 3 anni. Soldi pubblici. Sarà andata sulla Luna!”, dice Di Battista.

La sottosegretaria ammette di essere stata scortese. “A volte su Twitter si esagera, capita a tutti, oggi é capitato a me, sorry”, scrive e posta una canzone di Billy Joel “You’re Only Human”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»