Recovery, Bardi incontra Brunetta: “Basilicata deve avere ruolo da protagonista”

bardi_brunetta
Il governatore ha portato a Roma le richieste di un territorio che invoca "digitalizzazione, certezza e velocità delle procedure autorizzative e un'adeguata formazione del personale amministrativo"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

POTENZA – Si è tenuto oggi a Roma un incontro tra il ministro della Pubblica amministrazione, Renato Brunetta, e il presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi. Lo rende noto l’ufficio stampa della giunta precisando che si è discusso del futuro della pubblica amministrazione, “la vera chiave di volta del sistema in vista del Recovery Plan”.

Bardi ha portato le richieste di un territorio che invoca “digitalizzazione, certezza e velocità delle procedure autorizzative e un’adeguata formazione del personale amministrativo”. Dal governatore la speranza “che il nuovo governo possa imprimere un nuovo impulso alle politiche pubbliche e in particolare per le aree interne del Mezzogiorno”.
Appuntamento rinnovato tra qualche mese per verificare le necessità della Basilicata in vista del Recovery Fund.
La nostra Basilicata deve avere un ruolo da protagonista – ha detto Bardi -. È stato un piacere parlare con una persona di grande cultura che come pochi, in Italia, conosce le regole e le riforme di cui ha bisogno la pubblica amministrazione, sia a livello territoriale che nazionale”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»