A Bologna il Coronavirus ferma anche l’incontro tra Zuppi e Guccini

La nuova data sarà annunciata “appena sarà possibile definirla”, dicono gli organizzatori
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BOLOGNA – Il Coronavirus ferma anche il cardinale Matteo Zuppi, arcivescovo di Bologna, e Francesco Guccini. Dovevano essere protagonisti di un incontro molto atteso a Bologna dal titolo “Dio e’ morto?”. Ma per effetto delle disposizioni della Regione Emilia-Romagna sulle azioni da mettere in atto per limitare la diffusione del Coronavirus, l’appuntamento (previsto per sabato 29 febbraio alle 17.45 in Aula Magna di Santa Lucia) è stato rinviato e la nuova data sarà annunciata “appena sarà possibile definirla”, dicono gli organizzatori. Vengono sospese a Bologna anche tutte le attività aperte al pubblico del Teatro comunale, incluse quelle didattiche connesse alla Scuola dell’Opera, gli sportelli di biglietteria (di Largo Respighi 1 e Via De’ Monari 1/2), le visite guidate e gli eventi ospitati negli spazi gestiti dal Teatro quali l’Auditorium Manzoni, fino all’1 marzo compreso. Pertanto le tre recite dell’opera Madama Butterfly in programma al Teatro Comunale martedì 25, mercoledì 26 e giovedì 27 febbraio, il concerto della “Domenica al Comunale” dell’1 marzo e il concerto sinfonico previsto domenica 1 marzo all’Auditorium Manzoni, non avranno luogo. Informazioni riguardanti la biglietteria e l’eventuale riprogrammazione degli spettacoli saranno comunicate appena possibile. Salta anche la manifestazione “Liberamente – Salone del tempo libero, del divertimento e della vita all’aria aperta” in programma il 28-29 febbraio e 1 marzo a BolognaFiere: è stata rinviata.

LEGGI ANCHE: 

Allarme Coronavirus: unità? Tutti d’accordo tranne Salvini

No, il coronavirus non è una semplice influenza: la fondazione Veronesi spiega perché

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

24 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»