Niente messa per il coronavirus? Un prete a Genova dà appuntamento su Facebook

L’idea è venuta a don Valentino Porcile, sacerdote molto attivo sui social network
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

GENOVA – Messa a porte chiuse? Un parroco di Genova si organizza e lancia la celebrazione via Facebook. L’idea è venuta a don Valentino Porcile, sacerdote molto attivo sui social network, che questa sera alle 19 trasmetterà la Messa in diretta social dalla sua chiesa di Sturla.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, gli imprenditori: “Bloccare Lombardia e Veneto mette a rischio 40% Pil”

“La sospensione delle celebrazioni pubbliche non sospenda la nostra preghiera, anzi, la intensifichi ancora di più. Noi sacerdoti continuiamo a pregare ogni giorno come sempre, anzi, lo facciamo ancora di più”, esorta don Valentino, facendo proprio l’appello della Curia genovese, dopo l’annuncio della sospensione di tutte le celebrazioni, comprese quelle del mercoledì delle Ceneri, che danno l’avvio alla Quaresima e che verranno recuperate appena possibile.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Burioni: “Una scemenza dire che è poco più di un’influenza”

 

Celebriamo messa da soli, offrendo tutto quello che abbiamo e siamo, affinché questo momento di emergenza passi il prima possibile e nel modo migliore”, invita il prelato. Appuntamento su Facebook, dunque: “Ci potremo vedere qui, pregando insieme, rimanendo uniti, come un’unica grande famiglia quale siamo- scrive ancora il sacerdote- mentre penso a chi sul campo deve affrontare questa emergenza lavorando intensamente (operatori sanitari, forze dell’ordine, operatori…), cerchiamo di mantenere la calma, la tranquillità, e di usare sempre il buon senso. Non voglio far mancare la preghiera a chi vorrà averla. Qui ci potremo incontrare per pregare insieme”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

24 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»