Coronavirus, gli imprenditori: “Bloccare Lombardia e Veneto mette a rischio 40% Pil”

"Il contraccolpo non lo vedremo nelle prossime due settimane, ma fra un mese e mezzo", dice Giordano Riello il presidente di N-Plus già vicepresidente di Confindustria giovani
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Giordano Riello, presidente di N-Plus, già presidente dei giovani di Confindustria Veneto, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta”, condotta dal direttore Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano. Sugli effetti del Coronavirus in economia.

Le vere conseguenze saranno relative al contagio economico che stiamo subendo nel Nord Italia. La situazione non è facile, anche perché bloccare la Lombardia e il Veneto significa mettere a rischio il 40% del pil italiano. Codogno e Casalpusterlengo sono zone ad alta densità industriale. Per non parlare della Cina, se si blocca la Cina in questo momento si blocca l’intera economia mondiale. Il contraccolpo non lo vedremo nelle prossime due settimane, ma fra un mese e mezzo”.

Sulla gestione del quotidiano nella sua azienda, Riello dice: “C’è preoccupazione. Noi abbiamo indetto per questa mattina un tavolo di crisi aziendale di gruppo, con medici ed esperti virologi per prendere tutte le precauzioni del caso per salvaguardare i nostri lavoratori. Abbiamo annullato tutte le trasferte all’estero dei nostri collaboratori”.

Quanto ai provvedimenti del governo per le imprese, il presidente di N-Plus afferma: “Sicuramente l’azione che il governo deve intraprendere verso le aziende è l’interruzione delle rate dei mutui, oltre che i classici ammortizzatori sociali che dovranno intervenire senza le consuete lunghe burocrazie”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»