Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Napoli, De Magistris: “Non leggo Saviano, rione Sanità simbolo di riscatto”

[video mp4="https://media.dire.it/2017/02/de-magistris.mp4" poster="https://www.dire.it/wp-content/uploads/2017/02/de-magistris.jpg"][/video] ROMA -  "La Sanità è uno dei quartieri simbolo del riscatto di questa città. E’
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA –  “La Sanità è uno dei quartieri simbolo del riscatto di questa città. E’ un rione pieno di vivacità ed energia, perfino troppa. Perfino i parenti di vittime innocenti di camorra si schierano con la parte più attiva e bella di questa comunità”. Ne è convinto il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, che oggi a Napoli ha inaugurato le nuove aule scolastiche dell’istituto Casanova, in pieno centro storico.

Il primo cittadino spiega di essere “vicino” al proprietario della nota pasticceria Poppella, colpita ieri da una ‘stesa’. “Mi piace stare vicino alla gente – dice l’ex Pm – ma non quando ci sono passerelle mediatiche. La mia vicinanza a Poppella è sempre discreta ma al contempo forte dal punto di vista dei contenuti“. Contro l’emergenza sicurezza, “c’è bisogno di una risposta forte, non è ammissibile che si spari indisturbatamente in città”.

Il sindaco auspica una “risposta visibile e forte dello Stato, come dovrebbe fare in questi momenti complicati. Il mio auspicio, finora disatteso, è che ci sia un rafforzamento della presenza delle forze dell’ordine e delle strutture dello Stato per garantire sicurezza”. Ai giornalisti che gli chiedevano se avesse letto il post in cui lo scrittore Roberto Saviano spiegava che “lo Stato protegge le paranze”, de Magistris risponde di no. “Possiamo chiedere tutto ai cittadini – commenta -, possiamo chiedergli di fare di più, ma è lo Stato che ha tra i propri compiti quello di garantire la sicurezza di cittadini, abitanti e turisti“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»