Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Il portavoce dei ribelli sudanesi: “Sui rimpatri l’Italia sbaglia”

"Chi come me è immigrato in Italia non è venuto come turista ma perché il governo del Sudan caccia il suo popolo e non ha interesse a che torni"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Un accordo sbagliato, con un Paese dilaniato dai conflitti armati e da un genocidio in corso ormai da 14 anni: Ismail Mohamed, portavoce dei ribelli del Movimento di liberazione del Sudan (Slm), definisce così in un’intervista alla DIRE l’intesa sui rimpatri dei migranti firmata a luglio sull’asse Roma-Khartoum.


“Siamo contrari a questo accordo sbagliato” premette subito Mohamed. Il riferimento è poi ai 40 sudanesi espulsi dall’Italia a fine agosto, caso oggetto di un ricorso delle ong del Tavolo nazionale asilo presso la Corte europea dei diritti umani.

“Chi come me è immigrato in Italia”, sottolinea il portavoce dell’Slm, “non è venuto come turista ma perché il governo del Sudan caccia il suo popolo e non ha interesse a che torni”. Secondo il portavoce, l’intesa siglata dai ministeri dell’Interno di Italia e Sudan per i rimpatri a Khartoum non tiene conto della realtà del Paese africano. “Il governo sta compiendo un genocidio dal 2003” dice Mohamed, in riferimento al conflitto nella regione del Darfur: “Oggi siamo nel 2017 e la gente continua a morire”. L’occasione dell’incontro con il portavoce dell’Slm è la presentazione al Senato di un rapporto dell’associazione Italians for Darfur. Nello studio testimonianze e dati sull’aggravarsi della crisi in Sudan, sul piano umanitario e su quello del rispetto dei diritti umani.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»