Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Sport. Falcomatà (Reggio Calabria) ringrazia il segretario Uefa Infantino

REGGIO CALABRIA - "Un altro figlio illustre della nostra città
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

falcomatà3REGGIO CALABRIA – “Un altro figlio illustre della nostra città che con il suo percorso professionale porta alto il nome di Reggio Calabria in Europa e nel mondo. Attendiamo con gioia la visita del candidato alla presidenza della Fifa Gianni Infantino“. È quanto dichiara in una nota il Sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà commentando l’intervista rilasciata al quotidiano La Repubblica dal segretario generale Uefa in corsa per la presidenza Fifa Gianni Infantino.
“Voglio ringraziare personalmente il segretario Infantino per aver ricordato con affetto le sue origini reggine – ha aggiunto il Sindaco – lo accoglieremo a braccia aperte quando vorrà tornare a Reggio. Questa città è da sempre una culla straordinaria di talenti, eccellenti professionisti che con tenacia, partendo dal basso, hanno contribuito a portare alto nel mondo il nome di Reggio Calabria. La comunità reggina affonda le sue radici nei valori dello sport, nell’amicizia, nella solidarietà, nella condivisione. Sono certo che il segretario Infantino saprà far valere le sue capacità anche nella sfida che ha di fronte con la candidatura alla presidenza della Fifa“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»