Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Caso Offagna, Lega attacca Gatto: “Vuole salvare la faccia”

ANCONA - "Le dimissioni di Gatto sono solo un pretesto per salvarsi la faccia". Lo ha detto il
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ANCONA – “Le dimissioni di Gatto sono solo un pretesto per salvarsi la faccia“. Lo ha detto il consigliere regionale Sandro Zaffiri (Lega) in merito alla vicenda Offagna. Il Comune di Offagna è stato condannato da una sentenza della Corte d’Appello a versare alla famiglia Guzzini 2,2 milioni come risarcimento per un dirupo non segnalato nel quale 18 anni fa scivolò drammaticamente, perdendo la vita, il piccolo Loris di 7 anni. Il piccolo Comune rischia il dissesto. Il sindaco di Offagna Stefano Gatto ha annunciato le proprie dimissioni se entro il 28 febbraio, termine ultimo per approvare il riequilibrio di bilancio, non troverà una soluzione.

La disgrazia accaduta è stata gestita in modo poco trasparente dalle amministrazioni comunali di sinistra che si sono succedute negli ultimi anni, fino a quella attuale di Stefano Gatto, che non si sono preoccupate delle conseguenze dell’incidente- dice Zaffiri, che è anche segretario provinciale del Carroccio di Ancona-. Poca la trasparenza anche nella gestione dei soldi incassati dall’assicurazione. Si intravede una cattiva gestione, che va oltre questo drammatico evento, perpetrata per anni e che ha portato il Comune di Offagna ad accumulare vari milioni di debiti”.

offagna

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»