Trasporti. Mozione M5S: “Renderli gratuiti per i disoccupati più poveri”

BARI - “Emiliano convochi la Conferenza Unificata per esprimersi in merito all’attuazione della
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

amtab_caplineaBARI – “Emiliano convochi la Conferenza Unificata per esprimersi in merito all’attuazione della risoluzione approvata lo scorso 17 dicembre dalla Commissione trasporti della Camera dei deputati e volta a garantire il trasporto gratuito per chi perde il lavoro ed ha un ISEE inferiore ai 20 mila euro”, questo l’oggetto di una mozione presentata oggi dai Consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle, Mario Conca, Antonio Trevisi, Rosa Barone, Gianluca Bozzetti, Grazia Di Bari e Antonella Laricchia.
“E’ assolutamente necessario – dichiarano i consiglieri pentastellati – uniformare le politiche di accesso gratuito ai mezzi pubblici per la categoria svantaggiata dei disoccupati che abbiano perso, da meno di tre anni, un precedente rapporto di lavoro con durata continuativa pari o superiore a 6 mesi e che abbiano un livello di ISEE non superiore ai 20 mila euro annui, così come deliberato dalla IX Commissione Trasporti della Camera dei Deputati. L’agevolazione – precisano – è inoltre vincolata alla dichiarazione di disponibilità al lavoro rilasciata ai competenti servizi per l’impiego”.
Nella mozione si chiede inoltre che lo Stato incrementi per un importo annuo non inferiore ai 50 milioni di euro, l’ammontare delle risorse a disposizione del fondo nazionale per far fronte agli oneri del trasporto pubblico locale. “Tali risorse – concludono – verrebbero ripartite tra le regioni che introducono, nei contratti con i gestori, l’accesso gratuito per le suddette categorie di disoccupati”.

 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»