Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Regeni, Gentiloni: “L’Egitto cooperi, avviata richiesta diplomatica”

"Il passare del tempo non ci fara' desistere. Pretendiamo la verita'"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

giulio regeniROMA – “La cooperazione con il nostro team investigativo puo’ e deve essere piu’ efficace. Gli investigatori italiani non possono essere solo informati: devono avere accesso ai documenti sonori e filmati, ai reperti medici, agli atti del processo in possesso della Procura di Giza“. Lo ha detto il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, rispondendo al question time a proposito delle iniziative italiane per la ricerca della verita’ nella morte di Giulio Regeni.

“Proprio oggi il governo italiano trasmettera’ richieste specifiche e dettagliate su questo attraverso gli opportuni canali diplomatici”, aggiunge Gentiloni. E conclude: “Il passare del tempo non ci fara’ desistere. Pretendiamo la verita’”.

“AL CAIRO ANCHE OGGI RICOSTRUZIONI IMPROBABILI “- “L’Italia semplicemente chiede a un paese alleato la verita’ e la punizione dei colpevoli- spiega Gentiloni-. Non ci accontenteremo di verita’ di comodo tantomeno di piste improbabili come quella che ho sentito evocare anche stamattina al Cairo”.

LEGGI ANCHE

Regeni, Renzi: “Vogliamo verità, non c’è business che tenga”

Il Museo egizio di Torino intitola la storica sala di Deir El Medina a Giulio Regeni

Egitto, è stato trovato morto Giulio Regeni

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»