Croazia, Gentiloni: “Rapporti eccellenti, presto vertice”

"Punto che accomuna i nostri due paesi e necessita di decisioni comuni e scelte condivise a livello europeo e' la gestione dei flussi migratori"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Gentiloni 207A1754

ROMA – Tra Italia e Croazia relazioni ‘eccellenti‘. Cosi’ il ministro degli Affari esteri Paolo Gentiloni, che stamani alla Farnesina ha ricevuto il suo omologo croato Miro Kovac. “Punto che accomuna i nostri due paesi e necessita di decisioni comuni e scelte condivise a livello europeo- ha detto Gentiloni- e’ la gestione dei flussi migratori”. La Croazia, ricorda, e’ uno dei paesi investiti dalla rotta balcanica “e lo scorso anno ha visto il passaggio 900mila migranti”. Per questo Gentiloni sottolinea l’importanza della collaborazione a livello comunitario. Poi il Capo della Farnesina annuncia un vertice ministeriale entro l’anno in cui rilanciare la cooperazione bilaterale tra i due Paesi, sulle questioni migratorie ma anche e soprattutto “dal punto di vista economico e culturale”.

L’eccellenza dei rapporti riguarda anche economia e commercio: “l’Italia e’ il secondo partner commerciale per Zagabria– aggiunge Gentiloni- ci sono flussi turistici importanti verso la Croazia, e oltre 200 aziende italiane” laggiu’, tuttavia secondo il ministro “possiamo fare di piu’ e proprio questo sara’ lo scopo del vertice ministeriale di quest’anno” conclude.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»