Inquinamento. Presidente D’Alfonso ostruisce tre scarichi abusivi

PESCARA - Tre scarichi abusivi in un canale di scolo secondario in
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

d'alfonsoPESCARA – Tre scarichi abusivi in un canale di scolo secondario in via Raiale 293, sono stati ostruiti con altrettanti otturatori ad aria compressa dal presidente della Giunta regionale dell’Abruzzo, Luciano D’Alfonso, calatosi lungo gli argini accidentati dello scarico maleodorante. D’Alfonso aveva anticipato qualche giorno fa “un’azione dimostrativa”.

   “L’operazione – come ha spiegato il Presidente davanti alle telecamere, al sindaco di Pescara, Marco Alessandrini e ad altri componenti la Giunta comunale di Pescara – ha due obiettivi: ricostruire le responsabilità e ripristinare la moralizzazione delle condotte non solo degli amministratori pubblici ma anche degli imprenditori”. 
   D’Alfonso si è detto convinto che “molte imprese non sanno, le furbe devono essere riportate alla correttezza comportamentale”, passando per la via della “rinaturalizzazione”. Il Presidente ha quindi evidenziato quanto costi, in termini di “aggressione alle bellezze naturali ed in termini di risorse finanziarie l’insensibilità nei confronti di questo argomento” ed ha richiamato tutti ad un atto di solidarietà.
   Prima del sopralluogo il Presidente, in due tavoli distinti, aperti agli amministratori comunali e alle imprese assegnatarie dei lavori per il potenziamento dei depuratori, aveva trattato l’argomento dell’inquinamento dei fiumi e del mare, ricordando i 36 milioni di euro stanziati per gli interventi ma anche definendo un cronoprogramma serrato dei lavori.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»