Your monthly usage limit has been reached. Please upgrade your Subscription Plan.

Italia
°C

Iran. Santoro: “Opportunità per porto di Trieste”

TRIESTE - "L'Iran ha sempre rappresentato un Paese ricco di
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
santoroTRIESTE – “L’Iran ha sempre rappresentato un Paese ricco di opportunità per collaborazioni economiche e commerciali per l’Italia e prospettive concrete ci sono anche per il Friuli Venezia Giulia“. Lo ha affermato l’assessore regionale alle Infrastrutture, Mariagrazia Santoro, aprendo il convegno “Italian-Iranian business relations – Trieste: Port of opportunities”, organizzato dalla Regione in collaborazione con l’Autorità portuale e la Camera di commercio di Trieste.
La scelta di Trieste come punto di partenza per riaffermare e rafforzare i rapporti commerciali con l’Iran valorizza la vocazione internazionale della città e della regione” ha sottolineato l’assessore. “Sono in corso una serie di iniziative ad alto livello che coinvolgono i rispettivi governi e che vedono il Friuli Venezia Giulia in prima linea come testimoniano gli accordi già firmati e la visita a Teheran di gennaio”.
Rapporti che consolidano il ruolo del porto di Trieste nell’Alto Adriatico e rispetto a un’area geografica strategica per quanto concerne i collegamenti con l’Europa centrale” ha aggiunto Santoro. “Ma si aprono prospettive interessanti anche per le singole imprese, oltre che per lo scalo giuliano che già presenta numeri importanti su questi mercati”.
Ma Iran e Friuli Venezia Giulia non limitano i loro rapporti al commercio: “Anche il nostro sistema scientifico rientra in una logica di partenariato – ha concluso l’assessore – fornendo le proprie competenze in termini di trasferimento tecnologico alle imprese. Un’ulteriore settore in cui la nostra regione h protagonista in ambito internazionale per affrontare le sfide della competitività”.

 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»