Roma, Gabrielli: “I campi rom sono diventati terra di nessuno, vanno superati”

A Roma ci sono 57 insediamenti, di cui 44 sono classificati tra abusivi e tollerati. E tra l'altro solo a Roma esiste questa classificazione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

gabrielli

ROMA – I campi rom “sono diventati terra di nessuno” e “vanno superati”. A dirlo è il prefetto di Roma, Franco Gabrielli, intervenuto al Consiglio della Camera di commercio di Roma sul tema della sicurezza nella Capitale. “Uno dei temi più bipartisan- ha detto- è quello dei campi rom. A Roma ci sono 57 insediamenti, di cui 44 sono classificati tra abusivi e tollerati. E tra l’altro solo a Roma esiste questa classificazione. Solo limitandoci ai 13 autorizzati, costituiscono il grosso del problema, perché sono quelli con un maggiore insediamento e anche impatto sul territorio”.

Gabrielli ha poi ricordato che “dalla fine della Giunta Alemanno, il Comune non ha speso più soldi, perché non ne aveva. La Giunta Alemanno li ha spesi non perché era più sensibile, ma perché c’era l’emergenza. Finiti i soldi, sono finite le attenzioni. E allora non sono stati più governati e sono diventati terra di nessuno. E i problemi dei roghi tossici e del rovistaggio sono esplosi in modo esponenziale. La soluzione è il superamento dei campi, per i quali siamo sotto infrazione comunitaria, ma se non c’è l’amministrazione possiamo fare tutti i tavoli che volete, scomodare pure Scavolini, ma la soluzione non la troviamo”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»