Confindustria, lunedì a Padova incontro tra i 4 candidati

VENEZIA - Dopo aver incassato il sostegno di Confindustria Emilia Romagna e di Assolombarda (Milano, Monza e Brianza),
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

VENEZIA – Dopo aver incassato il sostegno di Confindustria Emilia Romagna e di Assolombarda (Milano, Monza e Brianza), l’imprenditore bolognese Alberto Vacchi punta in blocco sui voti del nordest, delle associazioni di Veneto, Friuli Venezia Giulia e Trentino. Lunedì prossimo a Padova, a porte chiuse, si terrà un confronto tra i quattro candidati sulla falsariga di quanto già andato in scena a Torino la settimana scorsa. Lì, spiega una fonte, “si vedrà se il Triveneto deciderà di sostenere un candidato unico ed essere determinante per l’elezione del nuovo presidente di Confindustria o di dividersi”. Ci sono in gioco, infatti, i 33 voti dei grandi elettori del Triveneto sui 196 del Consiglio generale di Confindustria che il prossimo 17 marzo voterà il nuovo leader che succederà a Giorgio Squinzi.

vacchi2Il presidente che verrà, poi, presenterà programma e squadra il 28 aprile e a fine maggio sarà l’assemblea annuale che lo eleggerà formalmente fino a maggio 2020. Intanto, oggi i 3 saggi- Adolfo Guzzini, Giorgio Marsiaj e Luca Moschini, ieri a Milano- saranno a Roma per il loro tour di consultazioni a pesare il consenso del ‘sistema’ verso i 4 candidati. Come previsto dal regolamento, solo chi dalla verifica dei ‘tre’ risulterà avere il 20% del consenso (dei 196 del Consiglio) potrà andare al voto per la designazione. Prossime date del tour dei saggi saranno Torino, Verona e Napoli.

Gli altri 3 candidati sono il bresciano Marco Bonometti, che di fatto ha spaccato la Lombardia, che però in parte tifa anche per il salernitano Vincenzo Boccia. Numero uno della ‘Piccola’ di Confindustria, Boccia è appoggiato anche da Puglia e Calabria. Infine, Aurelio Regina, con dietro Unindustria e Confindustria Lazio, considerato il candidato più “politico”.

di Luca Donigaglia, giornalista

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»