Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Il fiore? Per un bimbo è “petaloso”. E la Crusca gli dice “Bravo, può entrare nel vocabolario”

Matteo ha 8 anni e frequenta le scuole elementari in provincia di Ferrara: la sua maestra ha avuto l'idea geniale di scrivere alla Crusca. Che ha risposto al bimbo: "La parola che hai inventato potrebbe essere usata in italiano, come peloso o coraggioso. Ma prima devi diffonderla e farla usare da tante persone"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

crusca_lettera1FERRARA – Un’idea, una parola che viene fuori dal nulla e il piccolo Matteo, studente della classe terza della scuola primaria ‘Marchesi’ di Copparo, provincia di Ferrara, diventa il protagonista di una bella storia nata durante una mattinata a scuola. “Qualche settimana fa, durante un lavoro sugli aggettivi, un mio alunno ha scritto di un fiore che era ‘petaloso’. La parola, benché inesistente, mi è piaciuta”. A raccontarlo, con un post su Facebook, Margherita Aurora, che insegna nella scuola di Matteo. Le è piaciuta talmente tanto che ha pensato di chiedere un parere autorevole…”Ho suggerito di inviarla all’Accademia della Crusca per una valutazione– si legge ancora sulla sua pagina del social network- Oggi abbiamo ricevuto la risposta, precisa ed esauriente. Per me vale come mille lezioni di italiano. Grazie al mio piccolo inventore Matteo”. E cosa ha risposto l’Accademia? Che può addirittura entrare in vocabolario:

La parola che hai inventato– si legge nella lettera di risposta, inviata a Matteo- è una parola ben formata e potrebbe essere usata in italiano così come sono usare parole formate nello stesso modo”. Viene infatti spiegato che avendo messo insieme ‘petalo+oso’, per intendere ‘pieno di petali‘, allo stesso modo “in italiano ci sono pelo+oso” per intendere “pieno di peli” o “coraggio+oso” a significare “pieno di coraggio”. Ma per entrare nel vocabolario non basta averla inventata: “Perché entri in un vocabolario, infatti, bisogna che la parola nuova non sia conosciuta e usata solo da chi l’ha inventata, ma che la usino tante persone e tante persone la capiscano”. Quindi, “se riuscirai a diffondere la tua parola fra tante persone e tante persone in Italia cominceranno a dire e a scrivere ‘Com’è petaloso questo fiore!'” ecco allora che “petaloso sarà diventata una parola dell’italiano” e a quel punto “chi compila i dizionari inserirà la nuova parola fra le altre e ne spiegherà il significato”.

fiori_bimbi

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»