Scuola. Il piccolo alunno inventa ‘petaloso’, la Crusca: “Può entrare nel vocabolario”

Il piccolo Matteo, studente della classe III di una primaria della provincia di Ferrara, diventa il protagonista di una bella storia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

lettera_accademia_crusca

ROMA – Un’idea, una parola che viene fuori dal nulla e il piccolo Matteo, studente della classe terza della scuola primaria ‘Marchesi’ di Copparo, provincia di Ferrara, diventa il protagonista di una bella storia nata durante una mattinata a scuola.

“Qualche settimana fa, durante un lavoro sugli aggettivi, un mio alunno ha scritto di un fiore che era ‘petaloso‘. La parola, benché inesistente, mi è piaciuta”. A raccontarlo, con un post su Facebook, Margherita Aurora, che insegna nella scuola di Matteo. Le è piaciuta talmente tanto che ha pensato di chiedere un parere autorevole… “Ho suggerito di inviarla all’Accademia della Crusca per una valutazione- si legge ancora sulla sua pagina del social network- Oggi abbiamo ricevuto la risposta, precisa ed esauriente. Per me vale come mille lezioni di italiano. Grazie al mio piccolo inventore Matteo”.

E cosa ha risposto l’Accademia? Che può addirittura entrare in vocabolario: “La parola che hai inventato- si legge nella lettera di risposta, inviata a Matteo- è una parola ben formata e potrebbe essere usata in italiano così come sono usare parole formate nello stesso modo”. Viene infatti spiegato che avendo messo insieme ‘petalo+oso’, per intendere ‘pieno di petali’, allo stesso modo “in italiano ci sono pelo+oso” per intendere “pieno di peli” o “coraggio+oso” a significare “pieno di coraggio”. Ma per entrare nel vocabolario non basta averla inventata: “Perché entri in un vocabolario, infatti, bisogna che la parola nuova non sia conosciuta e usata solo da chi l’ha inventata, ma che la usino tante persone e tante persone la capiscano”. Quindi, “se riuscirai a diffondere la tua parola fra tante persone e tante persone in Italia cominceranno a dire e a scriverte ‘Com’è petaloso questo fiore!'” ecco allora che “petaloso sarà diventata una parola dell’italiano” e a quel punto “chi compila i dizionari inserirà la nuova parola fra le altre e ne spiegherà il significato”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»