Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Orrore in Sicilia, 17enne in un burrone: il fidanzato fa trovare il cadavere

roberta siragusa
A Caccamo, paese della giovane, proclamato il lutto cittadino: "Proviamo sgomento"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Indagini in corso a Caccamo, nel Palermitano, dopo il ritrovamento del corpo senza vita di una ragazza di 17 anni in un dirupo. Il cadavere è stato ritrovato dai carabinieri dietro le indicazioni del fidanzato 19enne. Il ragazzo viene ascoltato in questi minuti in caserma. Avrebbe confessato il femminicidio. Sul luogo del ritrovamento, nella zona di Monte San Calogero, anche i vigili del fuoco. La vittima si chiamava Roberta Siragusa.

A CACCAMO LUTTO CITTADINO

Sarà lutto cittadino da domani a Caccamo, piccolo centro in provincia di Palermo sconvolto dalla morte della 17enne il cui corpo è stato ritrovato in un dirupo a seguito delle indicazioni del fidanzato. “Una terribile notizia ha scosso gli animi della nostra comunità – si legge sulla pagina Facebook del Comune -. Con sgomento manifestiamo il nostro dolore per la giovane vita spezzata. L’amministrazione comunale e l’intera comunita’ caccamese si stringono attorno ai familiari a cui va la nostra vicinanza in queste ore drammatiche. A partire da domani sara’ proclamato il lutto cittadino”. 

IL SINDACO: “SONO SCONVOLTO”

“Non ci sono parole per commentare quanto accaduto, che ha scosso e sconvolto le coscienze dell’intera cittadinanza. Conosco entrambe le famiglie e mai e poi mai avrei potuto immaginare questa immane tragedia che lascerà per sempre il segno nella nostra comunità“. Sono le parole del sindaco di Caccamo, Nicasio Di Cola, riguardo al ritrovamento del cadavere della ragazza di 17 anni in un dirupo di una zona impervia della cittadina in provincia di Palermo. Di Cola si è recato a casa della famiglia della ragazza: “Ci siamo abbracciati con il cuore e con gli occhi- è il suo racconto su Facebook- Non aggiungo altro. Sono distrutto”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»