Delrio apre a Renzi: “Ma la grazia va conquistata”

graziano delrio
L'invito di Delrio è anche a "sgomberare il campo da narcisismi"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Non è l’ora di vendette e di rancori, di personalismi. Non si può essere leader politici senza riuscire a guardare il Paese che soffre“. Graziano Delrio, capogruppo Pd alla Camera, in una intervista ad ‘Avvenire’, apre a Renzi. “Avviare la crisi è stato un grave errore. Ora va ricostruito un clima di fiducia e collaborazione”. Anche con Iv? “La frattura è stata procurata da loro. La ferita ancora sanguina, da medico so che c’è ancora bisogno di tempo per rimarginarla. Io, per natura e per la mia storia culturale, non sono mai per veti definitivi“, sottolinea. “I cristiani sanno che non si può pensare che la grazia sia a buon mercato: la grazia viene anche conquistata con la sequela. Tornando alla politica- spiega- non è che non siamo capaci di scorgere i fatti nuovi, come la nota dei parlamentari di Iv; ma prima ci vorranno tempo e fatti che ricostruiscano fiducia. E sgomberare il campo dai narcisismi che, come ha ricordato il professor Becchetti su ‘Avvenire’, impediscono di vedere il bene comune“. 

LEGGI ANCHE: Allarme rosso: mercoledì si vota su Bonafede e Governo rischia di nuovo

Renzi a Conte: “Ancora in tempo per fermarsi, torniamo alla politica”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»