Il 25 gennaio ultimo appuntamento con Meraviglie di Alberto Angela: le anticipazioni

Dal Quirinale a Genova, passando per la Toscana, attraverso le Meraviglie del nostro Paese
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Sabato 25 gennaio ultimo su Rai 1 andrà in onda l’ultima puntata del viaggio in Italia di Alberto Angela. Si partirà da un luogo privilegiato: il Quirinale, la sede della Presidenza della Repubblica. Un viaggio alla scoperta non tanto di questo magnifico palazzo ma di ciò che rappresenta, e cioè del nostro patrimonio, delle tante ricchezze naturali e artistiche sparse in tutta Italia.  Dal Palazzo Alberto Angela si sposterà per mostrare le meraviglie italiane. Dopo uno sguardo alle incisioni della Val Camonica, il primo sito del nostro paese tutelato dall’Unesco, andrà a Genova, la città superba, la dominatrice dei mari, con la sua lanterna e palazzo Doria. Il testimone sarà un genovese innamorato della sua città: Luca Bizzarri. Quindi si sposterà a sud, in Sicilia, tra i paesaggi lunari dell’Etna, il vulcano più attivo del mondo, un’alternanza di fuoco e di neve. Verrà mostrato come l’attività vulcanica ha modificato profondamente la montagna e tutto il territorio circostante. Dallo spazio l’astronauta Luca Parmitano farà partecipi gli spettatori delle emozioni provate sorvolando il vulcano. Lo scrittore Alessandro D’Avenia ripercorrerà i suoi ricordi adolescenziali e ci racconterà i miti legati all’Etna. E infine l’ultima tappa in Toscana. Dalla magnifica Piazza del Campo di Siena per andare sorvolare Val d’Orcia, dove tra strade sinuose coronate da cipressi, roccaforti ed acque termali visiteremo uno dei paesaggi più dolci e rasserenanti d’Italia. Oliviero Toscani ne esalterà la bellezza, mentre Luca Angeletti rievocherà la figura di Ghino di Tacco.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

24 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»