VIDEO | Scontro Salvini-Fedez, l’ex ministro: “No lezioni di antimafia da milionari di sinistra”

Condividi su facebook Condividi su twitter Condividi su whatsapp Condividi su email Condividi su print ROMA - Si riaccende lo scontro tra Matteo Salvini e
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Si riaccende lo scontro tra Matteo Salvini e Fedez. Ospite del programma ‘Dritto e rovescio’, ieri sera su Rete 4, l’ex ministro va all’attacco contro il cantante e lo scrittore Fabio Fazio, apostrofando entrambi come ‘Milionari di sinistra’ e dichiarando di non voler prendere ‘lezioni di antimafia da loro’. Salvini ha quindi aggiunto: “mentre Fabio Volo e Fedez facevano soldi scrivendo libri e canzoni, io ricordo come fosse ieri, con orgoglio, il primo colpo di ruspa dato a una villa confiscata ai Casamonica in periferia a Roma, che adesso è diventata un giardinetto e una biblioteca per bambini”.

Non è tardata la replica di Fedez che su twitter ha risposto: “Sai qual’è la differenza? Che noi guadagniamo onestamente senza pesare sulle tasche di nessuno. Il tuo partito è costato agli italiani 49 milioni di euro. Io ero a Ibiza questa estate e faccio il rapper, tu eri al Papete ed eri il Ministro dell’interno. That’s it”.

Sai qual’è la differenza?Che noi guadagniamo onestamente senza pesare sulle tasche di nessuno. Il tuo partito è costato agli italiani 49 milioni di euro. Io ero a Ibiza questa estate e faccio il rapper, tu eri al Papete ed eri il Ministro dell’interno. That’s it https://t.co/GIUTTIorVw

— Fedez (@Fedez) January 23, 2020

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»