Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Migranti, Lucarelli: “Non si affrontano problemi così”. Salvini: “Ce ne faremo una ragione”

BOLOGNA - Il lavoro del Governo "non mi piace. Non è così che si risolvono i problemi". A dirlo è lo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Il lavoro del Governo “non mi piace. Non è così che si risolvono i problemi”. A dirlo è lo scrittore Carlo Lucarelli, che a margine di una conferenza stampa oggi a Bologna, parlando con l’agenzia Dire, commenta così l’opera del Governo M5s-Lega, in particolare sul tema dell’immigrazione.

“Non è un lavoro che mi piace- afferma Lucarelli- il decreto Salvini crea maggiore insicurezza e non lo dico solo io. Non è così che si affrontano i problemi. Se vuoi fare davvero la lotta agli scafisti la fai a loro, con un altro tipo di azioni e di attività di intelligence. Non la fai alle loro vittime“.

Lo scrittore si dice poi preoccupato per l’atmosfera che si respira in generale in Italia. “Vedo un clima di divisione– afferma Lucarelli- fatto di azioni esemplari e parole d’odio, che scoprono i nervi. Era così anche negli anni ’70 e sappiamo com’è andata a finire. Io però ho grande fiducia negli italiani, non siamo più così- aggiunge- siamo cresciuti. Altrimenti saremmo già tornati a quei livelli”.

Lucarelli vede “una contrapposizione nettissima”, ma allo stesso tempo “c’è anche un risveglio delle persone e una consapevolezza che prima non c’era. C’è una reazione, come si vede anche a Castelnuovo”. In altre parole, ragiona Lucarelli, “esiste una maggioranza, o una minoranza, si vedrà, che così silenziosa non è più. E spero che certi valori vengano rinfrescati”.

E ribadisce: “Se fossi pessimista direi che ci aspettano brutti momenti. Spero invece che gli italiani siano cresciuti abbastanza da sfogarsi solo sui social, che è schifoso comunque, ma senza passare dalle parole ai fatti. Rimaniamo sulle parole, su quelle si può lavorare più facilmente che non sui morti”, chiosa Lucarelli.

SALVINI: LUCARELLI CI CRITICA? CE NE FAREMO UNA RAGIONE

“Ce ne faremo una ragione”. Così il vicepremier Matteo Salvini replica sui social alle dichiarazioni dello scrittore Carlo Lucarelli, che oggi da Bologna ha criticato l’operato del Governo in particolare sul tema immigrazione.

E’ arrivato anche lo scrittore Carlo Lucarelli“, commenta Salvini, citando le parole dello scrittore. “Ce ne faremo una ragione- afferma il leader leghista- avanti nel nome della sicurezza, dell’ordine e del rispetto delle regole”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»