VIDEO | Toti-Musumeci in campo: “Salvini e noi, le due gambe del centrodestra”

ROMA - "Non vogliamo fare scissioni o gruppi autonomi, ci rivolgiamo a tutti per costruire la seconda gamba del centrodestra.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Non vogliamo fare scissioni o gruppi autonomi, ci rivolgiamo a tutti per costruire la seconda gamba del centrodestra. Salvini è la prima, noi dobbiamo recuperare consenso aprendoci ai cattolici, alla destra sociale, ai liberali”. Così Giovanni Toti e Nello Musumeci, governatori di Liguria e Sicilia, nel corso della firma di un protocollo sull’agenda digitale, si rivolgono “a tutti perchè c’è bisogno di qualcosa di nuovo, noi siamo a disposizione”, spiegano.

Toti parla chiaro: “La Lega è inchiodata al M5s per mancanza di alternative di governo, credo che il centrodestra si debba interrogare su come costruire una seconda gamba che consenta alla Lega di emanciparsi dall’abbraccio dei 5 stelle e di dare casa a tutte quelle culture come la destra storica, ai liberali e ai cattolici che ci sono nel nostro paese”.

“Tutto questo va costruito, siamo alla fine di un ciclo- prosegue- sia io che il presidente Musumeci governiamo con amministrazioni a cui partecipano tutte le forze del centrodestra e pensiamo di poter dare il nostro contributo e metterci attorno a un tavolo a ragionare”.

Toti, più che l’aggregatore, vuol fare “il contributore, porto le mie idee e l’esperienza di una coalizione che governa bene insieme da 4 anni”.

 

https://youtu.be/MsVlySfG8ow

Anche Musumeci per “rinvigorire il centrodestra” pensa all’apporto di altri soggetti come “il mondo centrista che in questo momento è frammentato. Ma anche alla cultura della destra liberale, sociale, riformista: possiamo tornare a quel grande progetto del ’94: mettere assieme sensibilità alternative alla sinistra e alla demagogia dei grillini”, osserva. “Salvini è una parte importante del centrodestra, il problema è trovare una alternativa a questo governo assurdo, facendo tornare la Lega alla sua casa madre e fornire un progetto politico in grado di raccogliere consenso”, conclude.

https://youtu.be/YYnOP38oIGA

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»