Roma, Raggi: “Case ai rom? E’ una fake news. Meloni attenta, sono pronta a querelare”

ROMA - "Le case popolari ai rom? E' una grossa bufala, una fake news. Il piano rom non ha nulla
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Le case popolari ai rom? E’ una grossa bufala, una fake news. Il piano rom non ha nulla a che vedere con le assegnazioni delle case popolari, che si fanno in base ad una graduatoria. Solo chi è in lista e ha i requisiti di legge può accedere. Ricordo che in due anni e mezzo abbiamo già fatto circa 1.000 assegnazioni”. Così il sindaco di Roma, Virginia Raggi, in diretta su Radio Radio, in merito alla polemica sulla presunta assegnazione di case popolari ai rom.

“Nessuno provi però a dire che si discrimina per l’etnia- ha aggiunto il sindaco- Chi ne ha diritto, senza discriminazioni di etnia, avrà una casa popolare. Ma sui campi rom la linea è quella che stiamo cercando di portare avanti, ovvero il superamento dei campi in base a linee guida europee che prevedono doveri e acquisizione di diritti per i rom. Tra cui, però, non rientra l’assegnazione della casa popolare”.

RAGGI: CASE AI ROM? ATTENTA MELONI, NON VORREI QUERELARLA

“Stia attenta la signora Meloni. Non vorrei doverla querelare, lei mi ha diffamato. Penso di aver chiarito la questione: nessuno darà le case popolari ai rom, in particolare in base al piano rom. Se Meloni insiste allora insisterò anche io, perché l’amministrazione non può essere infangata in questo modo”. Così il sindaco di Roma, Virginia Raggi, in diretta su Radio Radio, in merito alla polemica sulla presunta assegnazione di case popolari ai rom.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»