Rigopiano, Autorità di Bacino: “Nessuna relazione tra frane e valanghe”

Il Piano Frane della Regione Abruzzo (detto comunemente Pai) non contempla la pericolosità correlata ai processi valanghivi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  – In riferimento ad alcuni articoli di stampa, il Commissario dell’Autorità di Bacino della Regione Abruzzo, Luciano Di Biase, ritiene opportuno fornire i seguenti chiarimenti: “Il Piano Frane della Regione Abruzzo (detto comunemente Pai) è uno strumento di pianificazione a vasta scala e sovraordinato, in continuo aggiornamento per il naturale evolversi dei fenomeni di dissesto idrogeomorfologici”.

Il Piano “è stato adottato nel 2005 ed approvato nel 2008; interessa un territorio di circa 8.500 Km2 e comprende 272 Comuni tra Abruzzo e Molise“.

LEGGI ANCHE Rigopiano, tutte le valanghe dal 1990. Geologi: “Area critica, forse hotel doveva chiudere”/FOTO

Il Pai, prosegue Di Biase, “individua sul territorio di competenza una serie di processi geomorfologici riconducibili a fenomeni gravitativi di versante che interessano terreni e rocce (frane) cui è associato un determinato livello di pericolosità” e “non contempla, quindi, livelli di pericolosità correlati a processi valanghivi, fenomeni significativamente diversi dalle frane: pertanto non è lo strumento utile per le valutazioni del rischio da valanga“.

La carta geomorfologica del Pai, in località Rigopiano, “non riconosce alcun corpo di frana, ma unicamente una ‘conoide alluvionale attiva’; una conoide alluvionale è un deposito sedimentato da un corso d’acqua in corrispondenza dello sbocco di una valle”. Tale elemento geomorfologico, “non è correlato a processi gravitativi e, per tale ragione, al simbolo di ‘conoide alluvionale attiva’ non è associato alcun livello di pericolosità– conclude Di Biase- Resta fermo che, essendo la carta geomorfologica una delle cartografie maggiormente significative ai fini della pianificazione territoriale, il simbolo di ‘conoide alluvionale attiva’ va inteso come un elemento di attenzione per studi a scala di dettaglio e a carattere puntuale”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»