Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tg Lazio, edizione del 23 dicembre 2020

In questa edizione: avviato il piano presidio e scorta dei primi vaccini anti-Covid; nuovo ospedale di Latina pronto in 5 anni e con 696 posti letto; operazione Babylonia, confisca record da 300 milioni; Babbi Natale della Polizia consegnano doni ai bimbi del San Camillo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

COVID, PREFETTURA ROMA AVVIA PIANO SCORTE E PRESIDI PER VACCINI

È stato avviato oggi il piano per le attività di presidio e scorta, nel Lazio, dei primi vaccini anti-Covid in vista del 27 dicembre. Circa 10mila le dosi che arriveranno a Roma tra il 25 e il 26 dicembre. Una volta suddivisi per tutte le regioni italiane, partiranno le consegne. Intanto sarà l‘infermiera Claudia Alivernini, 29 anni, la prima donna a vaccinarsi domenica 27 dicembre all’Istituto Spallanzani. Alivernini si è laureata in Scienze infermieristiche alla Sapienza e lavora come infermiera allo Spallanzani in un reparto di malattie infettive. Ha dato anche la disponibilità per lavorare nelle unità mobili Uscar.

NUOVO OSPEDALE LATINA IN 5 ANNI, PRONTO PER ERUZIONE VESUVIO

Sarà un ospedale gioiello, in grado di affrontare le più svariate emergenze: dalle nuove pandemie ai danni per una eventuale eruzione del Vesuvio. È il nuovo ospedale di Latina, il cui primo simbolico atto è avvenuto oggi con la consegna virtuale del progetto alla presenza del vice presidente della Regione, Daniele Leodori, dei vertici dell’Asl di Latina e dell’Ance. L’ospedale sarà realizzato in 5 anni e ospiterà 696 posti letto. “La struttura sarà modulare e la sua dimensione ci consentirà di accogliere tutte le nostre unità operative universitarie sparse sul territorio” ha sottolineato il direttore generale dell’Asl di Latina, Giorgio Casati.

ROMA, OPERAZIONE ‘BABYLONIA’: CONFISCA RECORD PER CIRCA 300 MLN

Un impero economico composto da 71 attività tra bar, sale bingo e ditte edili. Ma anche oltre 30 immobili sparsi tra Roma e l’hinterland, macchine di lusso e decine di gioielli e orologi preziosi. Era il tesoro di Gaetano Vitagliano, vicino al clan camorristico degli scissionisti di Secondigliano, Andrea Scanzani e Giuseppe Cellamare, quest’ultimo deceduto nel 2017. Tutti quanti erano stati arrestati al termine della maxi-operazione ‘Babylonia’ della Dda della procura di Roma, accusati di far parte di due associazioni criminali dedite all’estorsione, usura e riciclaggio. Oggi il tribunale per le Misure di sorveglianza ha confiscato tutti i beni per un ammontare di oltre 300 milioni di euro.

ROMA, BABBO NATALE POLIZIA CONSEGNA DONI A BIMBI SAN CAMILLO

Peluche e baci di cioccolato per tutti i piccoli pazienti ricoverati all’ospedale San Camillo di Roma. È il dono che i Babbi Natale della Polizia di Stato e della Polizia postale hanno consegnato stamani sotto il grande albero posto nel giardino della Piastra del nosocomio. Ad accogliere le “renne” della Polizia il direttore generale dell’ospedale, Fabrizio d’Alba. “È un segnale forte in questo momento da parte della Polizia- ha detto d’Alba- e il dono che loro fanno ai bambini lo vorrei portare a tutti gli operatori dell’ospedale e del Servizio sanitario che mai come quest’anno hanno dimostrato attenzione e cuore verso i pazienti”. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»