Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Juve-Napoli, vince lo sport ma perde la giustizia

pallone calcio
Un capovolgimento improvviso e inatteso che potrebbe rappresentare un danno grave per il rispetto futuro delle regole
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Juve-Napoli si rigiocherà. Una vittoria per lo sport, ma una sconfitta per la giustizia e le regole. Sarà interessante, adesso che la sentenza del Collegio di garanzia del Coni ha ribaltato le decisioni fin qui adottate dal giudice sportivo e dalla Corte d’Appello, leggere le motivazioni che hanno spinto a quel capovolgimento improvviso e inatteso che ha portato a cancellare la vittoria a tavolino della Juventus (via quindi 3 punti) e ha restituito al Napoli il punto di penalizzazione che era stato tolto. Ma soprattutto che ha cancellato la giustizia sportiva. Aspettando di sapere quando la sfida si potrà recuperare, la classifica della serie A di calcio adesso rispecchia di più quanto accaduto sul campo. Se volete potete esultare: evviva lo sport. Ma in realtà per tutto il sistema è un brutto colpo: Milan, Inter, Lazio e tante altre squadre, solo per fare un banale esempio, hanno giocato tutte le partite programmate dal calendario senza i giocatori che man mano sono risultati positivi al Covid. Insomma, la mia impressione è che la vittoria oggi dello sport sia un danno grave per il rispetto futuro delle regole.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»