A Messina 25 mafiosi percepivano il reddito di cittadinanza: denunciati

Il gip ha disposto il sequestro delle somme percepite e ora gli indagati rischiano una condanna da due a sei anni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – Condannati in via definitiva per mafia e percettori del Reddito di cittadinanza. La scoperta e’ stata fatta dalla procura e dalla guardia di finanza di Messina. Le fiamme gialle hanno eseguito il sequestro preventivo delle somme percepite indebitamente da 25 persone che sono state denunciate. La legge, infatti, vieta la possibilita’ di percepire il sussidio ai condannati per mafia nell’ultimo decennio o ai loro familiari. Le indagini del Nucleo di polizia economico-finanziaria della guardia di finanza di Messina hanno evitato una frode ai danni dell’Inps del valore di 330mila euro. Nell’indagine sono finiti esponenti dei clan piu’ potenti di Messina e della provincia: Santapaola-Romeo, Sparacio, Sparta’, Galli, Batanesi-Bontempo Scavo, De Luca, Mangialupi, Camaro, Tortoriciani, Ventura, Ferrante e Cintorino. Gli indagati erano stati condannati per estorsioni, usura, traffico di droga, voto di scambio, maltrattamento e organizzazione di competizioni di animali non autorizzate. Il gip ha quindi disposto il sequestro delle somme percepite e ora gli indagati rischiano una condanna da due a sei anni.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»